Unghie: ecco le piante per curarle

da , il

    Si sa che noi donne siamo attente ai dettagli e al nostro look. La maggior parte di noi ama curare le unghie con manicure e non esce di casa se non sono perfettamente smaltate.

    Eppure, spesso l’aspetto delle nostre mani non è come noi lo vogliamo, e la maggior parte delle volte è proprio colpa nostra! C’è chi si mangia le unghie o le pellicine, oppure si sta troppo a lungo a contatto di acqua e detersivi: è necessario usare i guanti quando dobbiamo utilizzare detersivi o sostanze che potrebbero danneggiare mani e unghie. Anche alcuni smalti possono essere troppo aggressivi e rendere fragili le nostre unghie. Naturalmente anche patologie come l’anemia o funghi rovinano le nostre unghie.

    Ecco alcuni rimedi naturali per renderle più forti.

    L’ equiseto è una pianta ricca di sali minerali e flavonoidi. In particolare è ricco di acido silicico che gli conferisce proprietà rimineralizzanti, utili nella fragilità delle unghie ma anche se si hanno problemi di caduta dei capelli.

    L’ aloe vera è ottima in caso di funghi o infiammazioni: è’ sufficiente lasciare in ammollo le dita interessate in poca acqua tiepida, precedentemente bollita, con 8 cucchiai di succo di aloe 3 volte al giorno per alcuni giorni.

    La calendula è utilizzata in caso di unghie incarnite: si usa in questo caso la tintura madre che si acquista in erboristeria. Anche in questo caso si diluisce nell’acqua.

    Se si hanno invece problemi di fragilità ungueale, oppure notiamo che le nostre unghie si sfaldano o non crescono, si possono utilizzare integratori a base di cistina, zinco, vitamina B6 e vitamina B5. E’ sempre consigliabile, in ogni caso, prima di scegliere le cure fai da te, rivolgersi ad un dermatologo.

    Dolcetto o scherzetto?