Raffreddore dei bambini: come curarlo

da , il

    Il raffreddore è un disturbo noiosissimo e contagiosissimo, che colpisce i bambini, soprattutto quelli che frequentano la scuola materna e l’asilo nido, ma non risparmia i più grandicelli e noi genitori!

    Il raffreddore può essere provocato addirittura da 200 virus, ma il colpevole numero 1 è il rinovirus. Si diffonde maggiormente negli ambienti molto affollati e colpisce in particolare i bambini che non hanno ancora delle difese immunitarie molto alte.

    L’abbassamento della temperatura, i continui sbalzi, il freddo, l’umidità favoriscono questo virus, ma si può tranquillamente prendere anche in piena estate!

    Il raffreddore si riconosce subito: naso che cola, starnuti e qualche volta gola che brucia e febbriciattola.

    Se fa freddo è meglio tenere in casa il bambino perché il raffreddore può peggiorare, causando altre patologie come ad esempio l’otite.

    Bisogna far tornare il bambino all’asilo solo quando è completamente guarito; purtroppo non tutte lo fanno! Il bambino raffreddato, infatti, contagerà anche gli altri, ma non solo: avendo già il raffreddore, è più debole quindi maggiormente esposto ad altri agenti infettivi.

    Se il raffreddore si protrae a lungo, compare febbre, tosse e mal di gola, bisogna chiamare il pediatra.

    Foto:

    beautynews.blogosfere.it

    www.universonline.it

    starsdust.canalblog.com

    www.scsstatic.ch