Festa della Donna, le poesie più belle per festeggiare l’8 marzo

da , il

    Festa della Donna poesia

    La Festa della Donna è davvero imminente, dato che all’8 marzo, ormai, manca meno di una settimana, e certo anche per questo 2012 non mancano i motivi che ci spingono a continuare ad onorare questa ricorrenza. Mimose e serate in discoteca possono andare bene, così come le cene con le amiche, un viaggio (magari in treno, visto che Trenitalia ha lanciato la promozione 2×1), un bel trattamento relax in un Centro Benessere. Ma a mio avviso segnare in rosso sul calendario la casella dell’8 marzo, può servirci soprattutto per meditare sulla condizione femminile nel 2012, in Italia.

    Fare il punto su quello che c’è da fare per arrivare all’agognata “parificazione” tra uomo e donna, a livello lavorativo, sociale, morale e psicologico, e immaginare il tipo di mondo che vorremmo per noi e per le nostre figlie, cominciando subito a muoverci in prima linea per modificare le cose che non ci piacciono, a partire dalla nostra piccola realtà quotidiana.

    La Festa della Donna è anche un buon momento per prendere ispirazione dalle grandi donne che ci fanno da modello, del passato e del presente, e magari, per farlo anche attraverso le loro parole, i loro versi. Sono tante le poesie sulle donne, scritte dalle donne ma anche dagli uomini, e rileggerle non può farci che bene. Nutrimento per la mente e per l’anima. Eccone giusto qualcuna…

    Donna

    Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,

    i capelli diventano bianchi,

    i giorni si trasformano in anni….

    Però ciò che è importante non cambia;

    la tua forza e la tua convinzione non hanno età.

    Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.

    Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.

    Dietro ogni successo c’è un’altra delusione.

    Fino a quando sei viva, sentiti viva.

    Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.

    Non vivere di foto ingiallite…

    insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.

    Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c’è in te.

    Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.

    Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.

    Quando non potrai camminare veloce, cammina.

    Quando non potrai camminare, usa il bastone.

    Però non trattenerti mai!!!

    (Madre Teresa di Calcutta)

    Sorriso di donna

    Sorridi donna

    sorridi sempre alla vita

    anche se lei non ti sorride

    Sorridi agli amori finiti

    sorridi ai tuoi dolori sorridi comunque

    Il tuo sorriso sarà:

    luce per il tuo cammino

    faro per naviganti sperduti

    Il tuo sorriso sarà:

    un bacio di mamma

    un battito d’ali

    un raggio di sole per tutti

    A tutte le donne

    Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso

    sei un granello di colpa

    anche agli occhi di Dio

    malgrado le tue sante guerre

    per l’emancipazione.

    Spaccarono la tua bellezza

    e rimane uno scheletro d’amore

    che però grida ancora vendetta

    e soltanto tu riesci

    ancora a piangere,

    poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,

    poi ti volti e non sai ancora dire

    e taci meravigliata

    e allora diventi grande come la terra

    e innalzi il tuo canto d’amore

    (Alda Merini)