Come curare le piante: l’Orchidea Laelia

da , il

    Oggi vedremo insieme un’altra bellissima Orchidea. Si chiama Laelia, è originaria del Centro America e comprende circa una sessantina di specie con fiori di diverse forme e colori. I colori sono generalmente il rosa, il fucsia, il bianco, il lilla e il giallo. Le Laelie più conosciute sono: Laelia Crispa, Laelia grandis, Laelia purpurata, Laelia tenebrosa, Laelia sincorana, Laelia pumila, Laelia speciosa, Laelia harpophylla, Laelia flava, Laelia anceps, Laelia autumnalis, Laelia lobata, Laelia lucasiana, Laelia alaori, Laelia lundii, Laelia cinnabarina, Laelia praestens. L’Orchidea Laelia deve stare in una posizione molto luminosa, ma non deve essere colpita direttamente dai raggi solari. La temperatura ideale si aggira intorno ai 15°-20°.

    L’Orchidea Laelia è una pianta d’appartamento epifita. Cosa vuol dire epifita? Molte Orchidee sono epifite, cioè vivono attaccate ad altre piante che fungono da sostegno. Essendo una pianta epifita, l’Orchidea Laelia ha bisogno di un terriccio formato da un composto per Orchidee apposito che si trova nei garden center e nei vivai.

    Come tutte le Orchidee, anche la Laelia ha bisogno della giusta umidità: da marzo a settembre va annaffiata abbondantemente e con regolarità, ma senza mai lasciare ristagni e senza inzuppare troppo il substrato.

    Ogni 10 giorni bisogna somministrare del concime apposito per Orchidee.

    In autunno e in inverno, invece, le annaffiature devono essere diminuite, ma il substrato deve sempre rimanere umido, mai secco.

    Dovete fare attenzione ad una cosa: le Orchidee Laelie sono soggette all’attacco delle cocciniglie che danneggiano la pianta.

    Nella fotogallery potete ammirare delle bellissime immagini di Laelie.

    Dolcetto o scherzetto?