Allergie alimentari nei bambini: come prevenirle

da , il

    Durante lo svezzamento è necessario introdurre con molta cautela nuovi alimenti nella dieta del bambino. Alcuni vanno addirittura evitati almeno fino al compimento del primo anno; il glutine va introdotto dopo il 6° mese, anche più tardi se c’è in famiglia qualcuno che soffre di celiachia.

    Se il bambino ha una familiarità allergica, bisogna allattarlo al seno il più a lungo possibile e quando si smette di allattare bisogna sostituire il latte materno con il latte HA, cioè ipoallergenico. Bisogna ritardare l’inizio dello svezzamento almeno al 6° mese.

    Lo svezzamento deve essere iniziato con alimenti meno allergizzanti: carote e patate per il brodo vegetale, crema di riso, olio extravergine d’oliva, carne di tacchino e coniglio, mele e pere e latte materno, oppure ipoallergenico.

    Alcuni alimenti vanno introdotti dopo alcuni mesi dopo l’inizio dello svezzamento:

  • i cereali contenenti glutine ( grano, avena, orzo, segale) vanno introdotti dopo il 7° mese;

  • i legumi dopo l’11° mese;

  • gli agrumi dopo il 9° mese;

  • i pomodori dopo l’11° mese;

  • uova, latte vaccino e pesce dopo il primo anno di vita.

    Se, dopo l’introduzione di un alimento, il bambino presenta questi sintomi (tutti o uno solo), vomito, diarrea, eruzioni cutanee che provocano prurito, dovete rivolgervi subito al pediatra.

    Foto: liveorganicbaby.com images-cdn01.associatedcontent.com i.ehow.com www.gadgetgrid.com