Nonno 83enne abusa ripetutamente della nipotina di 12 anni: condannato a 5 anni di reclusione

L'uomo, durante tutte le udienze, ha sempre respinto tutte le accuse. Anche la moglie, ovvero la nonna della vittima, ha dichiarato che si tratta di incriminazioni infondate

Pubblicato da Redazione Mercoledì 19 settembre 2018

Foto: Pixabay

Nella bassa bresciana si è consumata l’ennesima storia di violenza su una minore: un nonno di 83 anni è stato condannato a 5 anni di reclusione (da scontare probabilmente ai domiciliari considerata la veneranda età), per aver abusato più volte della nipote di 12 anni. Il Tribunale ha respinto la richiesta di assoluzione della difesa e ha accolto parzialmente quella dell’accusa, che chiedeva una pena detentiva pari a 6 anni di carcere.

La storia di abusi è iniziata nel 2016 e si è protratta per 6 lunghi mesi: il nonno avrebbe abusato della piccola per almeno 5 volte, con modalità differenti. L’episodio peggiore ha visto la bambina costretta ad accarezzare le parti intime dell’anziano sul letto di casa. La 12enne, dopo alcuni mesi di silenzio, ha confessato tutto alla mamma, che ha immediatamente provveduto a sporgere denuncia contro il nonno.

L’83nne, nel corso delle varie udienze in tribunale, ha sempre negato ogni responsabilità, per lui si è trattato di giochi innocenti e nulla più. In sua difesa è intervenuta la moglie, ovvero la nonna della vittima, la quale ha affermato che si tratta di accuse prive di fondamento, considerato che i due non sono mai rimasti da soli. In aula hanno presenziato anche i genitori della piccola vittima, tuttora sconvolti dall’accaduto.