Ascoli, violenza sessuale sulla figlia minorenne della compagna: condannato a 4 anni di carcere

Sentenza di primo grado per un 40enne, che secondo l'accusa avrebbe abusato della ragazzina e a cui è stata riconosciuta l'attenuante della minore gravità. I fatti contestati all'imputato risalgono a sei anni fa.

Pubblicato da Redazione Giovedì 12 luglio 2018

violenza su bambina dal patrigno
Di Dmitri Ma/Shutterstock.com / foto

Quattro anni di carcere al 40enne accusato di aver abusato della figlia minorenne della compagna. I fatti contestati risalgono al 2012, quando l’uomo avrebbe abusato della ragazzina. La sentenza di primo grado fa discutere, anche per il fatto che all’imputato è stata riconosciuta l’attenuante della minore gravità.
Il giudice Marco Bartoli ha pronunciato il verdetto nel processo di primo grado per violenza sessuale a carico di un 40enne, ad Ascoli Piceno.
Sei anni fa avrebbe abusato della figlia della sua ex compagna, allora adolescente e non ancora maggiorenne. La stessa vittima aveva denunciato l’accaduto, dando il via all’inchiesta che ha portato l’uomo sul banco degli imputati.
La vicenda ha destato notevole clamore, così come l’epilogo del primo grado di giudizio che ha visto il 40enne condannato a una pena detentiva ritenuta, dai più, troppo lieve rispetto al reato contestato.