Partorisce in macchina, chiude il neonato in una busta e lo lascia sul tappetino: arresta 21enne

La ragazza sarebbe tornata a casa come se nulla fosse, salvo poi dover ricorrere alle cure mediche attraverso cui si è arrivati a scoprire l'infanticidio.

Pubblicato da Redazione Mercoledì 8 agosto 2018

Montana salvato neonato di 5 mesi rimasto sepolto nel bosco sotto i detriti, al freddo per 9 ore

Ha partorito in auto e ha chiuso il neonato in una busta, adagiandolo sul tappetino e tornando a casa come se nulla fosse. Una 21enne, da tutti ritenuta figlia e studentessa modello, è stata arrestata con l’accusa di infanticidio e rischia ora una condanna a 20 anni di reclusione.

A carico di Brennan Hailey Geller, 21 anni, originaria del South Carolina, c’è un’accusa gravissima: avrebbe ucciso lei il figlio appena partorito in auto, poi adagiato sul tappetino, chiuso in una busta di spazzatura.

Avrebbe nascosto a tutti la gravidanza, e quel bambino sarebbe stato un ostacolo ai suoi progetti di giovane spensierata e con un futuro strabiliante davanti a sé. Descritta da tutti come ragazza modello, si sarebbe rivelata una spietata assassina.

La 21enne, che lavorava in una palestra, avrebbe dato alla luce il figlio nella macchina, per poi chiuderlo nel sacchetto e lasciarlo nel veicolo, tornando a casa come se nulla fosse.

Soltanto il giorno seguente, dovendo ricorrere all’assistenza medica, sarebbe stata smascherata dai medici del Pronto soccorso, a cui ha negato gli evidenti postumi di un parto: la Geller ha dichiarato di non avere figli, ovviamente senza darla a bere ai sanitari.

Allertata dai medici, la polizia si sarebbe messa alla ricerca del corpo del neonato, trovandolo effettivamente dentro la vettura della madre.

Secondo l’accusa, il delitto sarebbe maturato nella piena facoltà di intendere e volere della giovane, che avrebbe voluto sbarazzarsi del bimbo per tornare alla vita di sempre, nascondendo l’evento a tutti.

Genitori e amici hanno dichiarato di non essere mai stati informati dello stato interessante della 21enne, e le loro versioni sono ora al vaglio degli inquirenti.