Donna che sorride

Come amare se stesse: 7 passaggi chiave

Imparare ad amare se stesse non è difficile: segui questi sette consigli su come prendersi cura di se ed essere felici.

1 di 8

1 di 8

Donna che sorride
Foto Shutterstock | Jacob Lund

Perché sembra così tanto difficile amare se stesse? Una mattina come tante, appena sveglie. Prendiamo il caffè, facciamo la doccia, ci prepariamo per uscire, crema mascara spazzola tra i capelli, scegliamo anche un bel vestito. Ci curiamo.
Prenderti cura di te è il primo passo. Va bene, benissimo. Ma dobbiamo anche imparare ad amarci. E cosa significa amare se stesse? Ecco sette consigli, che rientrano nell’ambito del benessere mentale e psicofisico, e della crescita personale.

Leggi anche: 10 rimedi per combattere la solitudine

1 di 8

Pagina iniziale

1 di 8

Parole di Silvia Ballante

Mi chiamo Silvia Ballante, e di Nanopress sono il direttore editoriale. Anzi, la direttrice: mettiamo i generi sugli i, almeno quando si tratta di ruoli professionali! Nasco per puro caso a Firenze, ma è Milano la mia città: qui mi laureo in Lettere, qui comincio a muovere i primi passi nell’editoria online, trovando in Tuttogratis la mia collocazione ideale. Ci entro dapprima come semplice redattrice – di fatto inserendo link -, poi come responsabile della redazione, anche se allora la redazione era composta da me medesima, quindi più che altro di auto-responsabilità dovrei parlare. A partire dal 2005, a Tuttogratis viene affiancata una rete di siti verticali a cui si dà il nome collettivo di Nanopress: io ne seguo da vicino la creazione e l’evoluzione. Tuttogratis e Nanopress, che insieme costituiscono l'asset Publishing di Deva Connection, sono ormai una grande realtà editoriale nativa digitale, composta da una trentina di siti, tra cui lasciatemi citare almeno Pourfemme, Stylosophy, Nanopress.it, Allaguida.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.