I rifugiati più famosi della storia

I rifugiati più famosi della storia: da Einstein a Freud, da Isabelle Allende a Marc Chagall.

Pubblicato da Laura De Rosa Martedì 8 settembre 2015

rifugiati-famosi

I rifugiati più famosi della storia. Quando pensiamo ai profughi di certo non li immaginiamo in veste di professori, scienziati, medici, artisti, piuttosto come una massa informe di persone disperate, sporche, sciupate cui istintivamente associamo idee di perdita, rifiuto e morte. Perché di fatto i rifugiati sono persone che hanno perso la propria strada, catapultati in realtà altre che spesso faticano a riconoscerli, ad accettarli, a offrire loro sostegno. L’esilio forzato è un evento fra i più traumatici della vita e nessuno, proprio nessuno, ne è esente. Può capitare al clochard abituato a cavarsela con poco e ad essere considerato un reietto, così come a una persona qualunque, persino a un importante scrittore, artista, scienziato. Non lasciamoci inaridire il cuore dalle apparenze e dalla paura: fra i rifugiati che ogni giorno ci chiedono asilo ci sono persone come noi. Per rendercene conto forse dovremmo fare un salto nel passato, quando personaggi del calibro di Abramo, Gesù, Freud, Isabelle Allende, Marc Chagall e molti altri si ritrovarono improvvisamente spogliati di ogni bene e di ogni ruolo, costretti a una vita da profughi.