Bambina di 9 anni coinvolta in una sparatoria muore mentre aspettava la mamma in macchina

La piccola Saniyah è una vittima innocente rimasta uccisa in uno scontro a fuoco tra due gang rivali

Pubblicato da Redazione Venerdì 22 giugno 2018

sparatoria 2 bambine ferite
Saniyah Nicholson era una bambina di 9 anni che stava aspettando pazientemente in auto il ritorno della madre, in compagnia della sorella maggiorenne.
Lei non era nel posto sbagliato, era dove sarebbe dovuta essere: con la sua famiglia.
Ma sfortunatamente nello stesso luogo c’era qualcuno che non avrebbe dovuto esserci, qualcuno intenzionato a uccidere che si è preso la sua giovane vita.
La mamma era scesa dalla macchina per andare prendere il fratello 14enne di Saniyah dopo una lezione di boxe.
Proprio in quel momento, due gang rivali hanno cominciato a spararsi tra di loro, e la bimba di 9 anni è finita in mezzo al fuoco incrociato.
La piccola è stata colpita alla testa e a nulla è servita la corsa in ospedale, dove Saniyah è deceduta. La sorella maggiore non ha riportato nessuna ferita.
Le autorità sono alla ricerca di due uomini incappucciati ritenuti responsabili della sparatoria che sono stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso presenti nella zona.

Due sorelle di 5 e 9 anni ferite in una sparatoria al parco giochi

Due bambine, di 5 e 9 anni, sono state ferite in un parco giochi durante una sparatoria in pieno giorno nella zona est di Toronto. Le piccole sono state portate d’urgenza in ospedale e la polizia è alla ricerca dei responsabili, due uomini di cui uno che ha sparato, e l’altro che guidava il veicolo a bordo del quale l’autore della sparatoria è fuggito.
Il fatto è avvenuto verso le 17 e c’erano 11 bambini nel parco in compagnia di un uomo adulto, che si crede fosse il bersaglio di chi ha fatto fuoco.
Le bambine ferite sono due sorelle e sono state colpite quando un uomo armato di pistola è arrivato in un parcheggio vicino a bordo di un veicolo, si è avvicinato al parco giochi a piedi e ha aperto il fuoco prima di fuggire. Secondo la polizia, sarebbero stati esplosi almeno 7 colpi.
Secondo una fonte vicina agli investigatori, due uomini mascherati sarebbero stati visti in un veicolo vicino alla scena del crimine.
La più piccola delle due bambine, di soli 5 anni, è stata colpita all’addome ed è stata portata in ospedale in condizioni critiche. Dopo l’intervento dei medici, le sue condizioni sono ora stabili. La sorella più grande è stata invece colpita alla caviglia. Entrambe hanno dovuto subire un intervento chirurgico.
La polizia sta ora cercando di identificare gli altri bambini presenti al momento della sparatoria per raccogliere maggiori informazioni e anche l’uomo che si pensa fosse il bersaglio dovrà essere interrogato.
Stacy London, un’infermiera che vive nei paraggi ha fornito la propria testimonianza alla CBC. Corsa fuori casa dopo aver sentito gli spari e le urla, la donna ha visto molta gente affollata intorno al parco, molti dei quali stavano piangendo.
Una donna teneva in braccio la bambina con la ferita all’addome e un’altra reggeva la sorellina più grande.
“C’era molto sangue, così sono corsa a casa a prendere dei guanti e sono tornata sul posto per controllare lo stato delle bambine. In pochi minuti sono arrivati i soccorsi. Conosco entrambe le piccole e sono sollevata di sapere che le loro condizioni sono migliorate e ora sono stabili”.
La donna è però preoccupata per le conseguenze dell’accaduto: “E’ un’esperienza traumatica per tutti i bambini del vicinato perché quello è un parco dove giocano per tutta l’estate”.
La polizia ha contattato la scuole delle vittime che ha confermato che un supporto psicologico sarà a disposizione per ogni studente che ne avrà necessità.