Casatiello tradizionale

Casatiello tradizionale

Foto Shutterstock | YouMediaWeb Publishing

  • media
  • 4 ore
  • 8 Persone
  • 780/porzione

Ecco la ricetta del casatiello napoletano una ciambella salata rustica tipica della cucina campana che si sforna e si porta in tavola a Pasqua e Pasquetta. Il casatiello salato insieme al tortano e alla pastiera non può mancare sulla tavola pasquale di Napoli e di tutta la Campania. Premettiamo che la ricetta del Casatiello cambia di famiglia in famiglia e c’è chi, oltre al salame, aggiunge prosciutto e pancetta. Comunque nell’impasto di questo pane di Pasqua farcito si abbonda con il formaggio, che di norma è pecorino, ma i più golosi aggiungono anche scamorza e parmigiano. Comunque il casatiello tradizionale ha la particolarità di avere delle uova sulla superficie fermate da striscioline di pasta disposte a croce. Siete curiose di imparare come si fa il casatiello? Allora vediamolo insieme!

Ingredienti

  • farina 500 gr
  • acqua 300 ml
  • lievito di birra 10 gr
  • strutto 100 gr
  • salame tipo napoli 200 gr
  • formaggio pecorino grattugiato 200 gr
  • provola 50 gr
  • Sale 12 gr
  • Pepe nero 1 cucchiaio
  • Uova 5

Preparazione

  1. Per preparare la ricetta del casatiello tradizionale partite sciogliendo il lievito in un po' di acqua tiepida e mescolate bene con la forchetta. A questo punto potete usare planetaria, se l'avete, oppure realizzare l'impasto a mano. Per preparare la ricetta del casatiello tradizionale partite sciogliendo il lievito in un po' di acqua tiepida e mescolate bene con la forchetta. A questo punto potete usare planetaria, se l'avete, oppure realizzare l'impasto a mano.

  2. In una ciotola mettete la farina, il lievito ben sciolto, il pepe nero e lo strutto morbido, lasciandone una noce per dopo. Aggiungete anche l'acqua e cominciate a impastare per bene. Unite il sale e continuate a impastare bene per almeno 15 minuti.

  3. Mettete a riposare, coperto con un canovaccio inumidito, in luogo tiepido per circa due ore. Riprendete l'impasto e lavoratelo un altro poco, poi fatelo riposare ancora per mezzora. Nel frattempo pulite il salame togliendo la pelle e fatelo a cubetti, tagliate a cubetti anche la provola.

  4. Riprendete l'impasto e stendetelo su una spianatoia infarinata usando un mattarello , facendo uno strato di circa un centimetro di spessore. Lasciatene da parte un pochino che servirà per fare le striscioline per fermare le uova.

  5. Spalmate la superficie della pasta con lo strutto avanzato e poi spolverate la superficie con pepe nero, aggiungete quindi il pecorino grattugiato, gli altri formaggi e il salame a cubetti.

  6. A questo punto piegate l'impasto arrotolandolo su se stesso dalla parte più lunga e ponete questo 'salsicciotto' ottenuto all'interno di uno stampo per ciambelle da 26 cm unto con poco strutto.

  7. Ponete sopra la superficie del casatiello le uova crude ponendo una leggera pressione, fermatele con le striscioline di pasta rimasta e disponetele a croce, in modo da ingabbiare le uova.

  8. Fate lievitare il casatiello per altri 30 minuti e poi cuocetelo in forno preriscaldato a 180° per 30/40 minuti. Dopo la cottura lasciatelo intiepidire, quindi sformate il casatiello tradizionale napoletano delicatamente e ponetelo su un piatto da portata e servitelo in tavola. È ottimo anche freddo.

Varianti della ricetta del casatiello tradizionale

Casatiello

Foto Shutterstock | canbedone

Come abbiamo già accennato prima, la ricetta del casatiello può essere arricchita anche con altri tipi di salumi e affettati, come prosciutto cotto, pancetta e ciccioli. Per quanto riguarda i formaggi, non deve mai mancare una buona dose di pecorino, ma potete usare anche del parmigiano grattugiato e altri tipi di formaggi come caciocavallo e scamorza. Evitate la mozzarella che potrebbe rendere troppo umido il casatiello. Lo strutto è un ingrediente fondamentale di questa ricetta, ma se non lo gradite potete fare il casatiello senza strutto e sostituirlo con dell’olio extravergine di oliva o del burro.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.