Violentarono a turno una 15enne, reato estinto per il branco di minori. Il gup: ‘Sono pentiti’

Lo stupro di gruppo poco meno di due anni fa, nel giugno 2016, a San Valentino Torio. Autori dell'abuso sessuale cinque giovanissimi, quattro dei quali coetanei della vittima. La sequestrarono all'interno di un garage, e ora arriva la decisione del gup che ha accolto la tesi della Procura dei minori.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 29 marzo 2018

Violentarono a turno una 15enne, reato estinto per il branco di minori. Il gup: ‘Sono pentiti’

Sono tutti giovanissimi, i ragazzi del branco che nel 2016 violentarono a turno una 15enne a San Valentino Torio (Salerno). Il gup ha stabilito che il reato è estinto, accogliendo la tesi del pm secondo cui gli imputati sono pentiti e avrebbero capito il tenore della gravissima condotta contestata. Si chiude un capitolo giudiziario e si apre un caso nazionale.

Stuprarono una coetanea in gruppo

Era il 26 giugno 2016, quando una 15enne venne sequestrata all’interno di un garage da un branco di giovanissimi, cinque suoi coetanei, che a turno consumarono lo stupro di gruppo.
La minore conosceva uno di loro, ed era stata tratta in inganno e attirata nella trappola in cui avrebbe subito la violenza.
Dopo il fatto, uno dei cinque era rimasto con lei in attesa che un parente la venisse a prendere. Appena un giorno dopo l’accaduto, tutti erano stati individuati e arrestati dai carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore.

Arrestati, poi la decisione del gup

Uno, che è poi emerso essere 17enne (quindi il più grande del branco), era finito ai domiciliari. Gli altri quattro in carcere, tra le strutture di Nisida e Airola.
Il percorso di recupero in comunità aveva portato poi alla sospensione del processo a loro carico. Il gup ha deciso sulla loro sorte giudiziaria due giorni fa: reato estinto.
Il giudice ha accolto la tesi della Procura dei minori: “Hanno compreso la gravità di quanto fecero all’epoca”.