Violentano una ragazza ubriaca dopo la finale di Champions: inchiodati da un video

Secondo gli inquirenti, Nong Gift, 21 anni, è stata picchiata finché è morta. Tra i suoi aguzzini c'è un uomo che la conosceva.

da , il

    Violentano una ragazza ubriaca dopo la finale di Champions: inchiodati da un video

    Vicenda shock in Thailandia, a Chanthaburi: Nong Gift, una ragazza di 21 anni, dopo aver guardato la finale di Champions League in un locale in compagnia di alcuni amici, è rimasta con qualche conoscente. A un certo punto è stata portata fuori completamente ubriaca, da 4 uomini mentre uno la teneva in braccio. La scena è stata ripresa dalle telecamere del pub. La ragazza credeva che l’avrebbero accompagnata a casa e invece, suo malgrado, stava andando incontro alla morte.

    La banda di 4 uomini, uno dei quali conosceva Nong, ha trasportato la ragazza in un frutteto isolato da sguardi indiscreti: lì è stata violentata dal branco e picchiata fino alla morte. Nattaphong Saenkraud, Patti Boonthal, Panya Chan Somdee e Suitsit Jaechim, i responsabili dello stupro e dell’atroce pestaggio, hanno confessato le proprie responsabilità agli agenti di Polizia che li hanno interrogati. Il prossimo mercoledì dovranno presentarsi in tribunale per la seconda udienza.

    La CCTV ha mostrato il video che incastra la banda: nelle immagini si vedono i quattro che trasportano Nong praticamente incosciente fuori dal pub. Nel parcheggio antistante viene infilata in un pick up, con l’aiuto di una delle amiche della vittima.

    Il maggiore della polizia Charn Jitjunjun ha raccontato: ‘La vittima è stata trovata morta la notte stessa. Quattro uomini sono stati arrestati e hanno confessato il loro coinvolgimento nel delitto. La giovane è stata violentata da quattro persone e crediamo che sia stata picchiata fino alla sua morte. Il suo corpo è stato ritrovato con la schiuma intorno alla bocca, naso sanguinante e con i vestiti strappati, parte dei quali erano a terra. Una donna che era stata con Nong la sera prima ha detto che l’aveva lasciata con un gruppo di uomini perché pensava che fossero suoi amici’. Il membro della banda che conosceva Nong Gift si è giustificato dicendo di aver soltanto portato gli altri uomini nel luogo in cui si è poi consumato lo stupro e l’omicidio.

    Al momento sono in corso le indagini sul corpo della vittima, per chiarire se sia stata drogata e quali siano le reali cause del decesso. Il maggiore della Polizia Charn Jitjunjun ha chiarito: ‘L’indagine non si è ancora conclusa, la Polizia sta ricostruendo le dinamiche esatte dell’omicidio. I parenti della vittima sono convinti che la ragazza sia stata drogata. Era abituata a bere alcolici e difficilmente avrebbe potuto ridursi nelle condizioni in cui appare nelle registrazioni video’.