Uccisa dalle figlie di 12 e 14 anni, l’accusa: ‘L’hanno pugnalata alle spalle’

Colpita più volte con un coltello e finita con una pistola: questo il quadro emerso in merito al decesso di una 38enne. Pochi giorni prima, le bambine avrebbero tentato di investirla.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 9 gennaio 2019

Uccisa dalle figlie di 12 e 14 anni, l’accusa: ‘L’hanno pugnalata alle spalle’
Foto: Pixabay

Hanno 12 e 14 anni e vivono nel Mississippi. Sono due sorelle protagoniste di un drammatico caso di cronaca, accusate del delitto della madre 32enne. Secondo gli inquirenti, l’avrebbero pugnalata alle spalle prima di finirla con un colpo di pistola.

Bambine accusate di omicidio

Sulla morte di una 32enne americana, Ericka Hall, la polizia della contea di Pike (Mississippi) ha aperto un’inchiesta.

Il corpo della donna è stato ritrovato all’interno dell’abitazione che condivideva con le due figlie minori, di 12 e 14 anni, ora finite sotto accusa per il suo omicidio.

Sul cadavere diverse pugnalate e un colpo di arma da fuoco. La vittima, secondo quanto emerso dall’autopsia, è stata prima colpita con un coltello (trovato ancora nella schiena) poi con un proiettile di piccolo calibro.

Le due bambine sono finite immediatamente nel fuoco dei sospetti, e sul tavolo degli inquirenti sarebbe arrivata la notizia di un inquietante episodio che suona come un sinistro precedente.

Secondo le ricostruzioni, infatti, le minori avrebbero tentato di investire la madre pochi giorni prima di portare a termine il delitto. Entrambe saranno sottoposte a perizia psichiatrica.

LEGGI ANCHE: Uccide la madre e si barrica in casa