Uccidono la figlia di 3 anni e la seppelliscono vicino ai binari del treno

La piccola è stata picchiata a morte e poi sepolta. Il suo cadavere non è mai stato ritrovato, ma il padre ha confessato il crimine

da , il

    Uccidono la figlia di 3 anni e la seppelliscono vicino ai binari del treno

    Un padre accusato di aver ucciso la figlia di 3 anni e di aver sepolto il suo cadavere ha confessato accettando un accordo e ha accettato di testimoniare contro la madre della bambina, anch’essa coinvolta.

    E’ successo a Flint, nel Michigan. Khairy Joshuawon Simon è stato dichiarato colpevole di omicidio di secondo grado e di occultamento di cadavere.

    La bambina è stata picchiata a morte, infilata in uno zaino e poi sepolta in una buca scavata nei pressi dei binari del treno. Questo è quanto è emerso dalle indagini, ma il cadavere della piccola non è mai stato ritrovato, e si pensa sia stato dissepolto e portato via da un animale selvatico.

    I genitori sono saliti in cima alla lista dei sospettati dopo che un insegnante ha riportato dei possibili abusi su un fratellino della bimba scomparsa.

    Il delitto è avvenuto nel 2015, ma il padre 27enne ha ammesso solo ora la sua colpevolezza.

    Anche la madre della bambina è accusata di essere collegata con il crimine. Sembra infatti che la donna fosse direttamente coinvolta negli abusi, nella negligenza e nella copertura della morte della piccola.

    L’uomo si è detto ora disposto a testimoniare contro la madre della bambina. Entrambi rischiano dai 13 anni all’ergastolo.