Torino, allarme legionella: morta una 61enne

La vittima avrebbe contratto il batterio durante una vacanza al mare. La Legionella pneumophila si diffonde in ambienti umidi e caldi, e può portare all'insorgenza di una polmonite potenzialmente letale.

Pubblicato da Giovanna Tedde Martedì 11 settembre 2018

Torino, allarme legionella: morta una 61enne

Allarme legionella a Torino, dopo il decesso di una 61enne che sarebbe da ricondurre al batterio responsabile della legionellosi. Non è ancora chiaro dove possa averlo contratto, anche se i sospetti si concentrano sulle recenti vacanze della vittima. Il caso è passato al vaglio dell’Ufficio Igiene, che dovrà accertare origine del batterio e dell’infezione.

Sospetto caso di legionella a Torino

La morte della 61enne di Torino, dopo diversi giorni di ricovero alla clinica Fornaca, sarebbe da ricondurre al batterio della legionella. Se confermato, il caso farebbe salire a sei i decessi per l’infezione nel Nord Italia.

La donna avrebbe accusato i primi sintomi al ritorno da una vacanza al mare, e il quadro clinico, già compromesso da pregresse patologie, sarebbe precipitato nel giro di 12 giorni.

Decine i contagi registrati nella sola estate 2018 in Lombardia, in cui ci sono stati 5 morti su 53 casi registrati.

La Legionella pneumophila si diffonde in ambienti umidi e caldi, si trova nell’acqua e nel vapore acqueo, a temperature che si aggirano tra i 25 e i 55 gradi: se inalato può provocare una polmonite dall’esito potenzialmente letale. In Lombardia, tra il 2 e il 9 settembre, i casi registrati sono stati 250, e almeno 12 sarebbero dovuti a legionella.