The Weeknd sta boicottando i Grammy: ecco perché

La stella dell'R&B, celebre per la sua "Blinding Lights" ha lanciato accuse pesanti contro l'organizzazione del premio e non ha intenzione di prendervi mai più parte

The Weeknd si esibisce durante il Pepsi Super Bowl LV Halftime Show al Raymond James Stadium il 7 febbraio 2021 a Tampa, in Florida

Foto Getty Images | Mike Ehrmann

Domenica 14 marzo si terranno i 63esimi Grammy Awards, gli Oscar della musica. Un evento internazionale molto atteso al quale prenderanno parte moltissime star come Taylor Swift, Dua Lipa e i BTS, la boy band coreana da milioni di fan. Ma non passerà inosservata l’assenza di nomi altrettanto top della musica, come per esempio The Weeknd.

Il cantante canadese, la cui canzone Blinding Lights è stata la più ascoltata su Spotify del 2020, è ormai il nome di punta dell’R&B contemporaneo (oltre che ex fidanzato di Bella Hadid e Selena Gomez): nonostante tutto questo, è stato escluso dalle nomination. Questo lo ha portato ad esprimersi molto duramente contro l’organizzazione del premio.

Le accuse che muove sono in merito alla presenza di comitati segreti nonché di una burocrazia troppo complessa: un struttura corrotta che indirizzerebbe la scelta degli artisti candidati in maniera del tutto arbitraria e non basandosi sulle effettuale successo di dischi ed artisti.

Alla luce di ciò, The Weeknd ha dichiarato che non parteciperà mai più ai Grammy e che ha espressamente vietato alla sua casa discografica, da qui in futuro, di associare in qualsiasi modo il suo nome ai premi. Infatti, quest’anno erano in corso delle trattative per farlo comunque esibire durante la cerimonia, ma ovviamente il suo rifiuto è stato netto, sentendosi un ospite non gradito.

Zayn come The Weeknd contro i Grammy

Protagonista dell’esibizione durante l’intervallo del Super Bowl lo scorso 7 febbraio, The Weeknd è uno degli artisti più importanti della scena musicale di oggi. Le sue parole, dunque, hanno un grande peso nonché la capacità di influenzare anche altri artisti.

Infatti, si è già levata un’altra voce fuori dal coro contro di Grammy e si tratta del cantante Zayn, ex One Direction è fidanzato di Gigi Hadid, a sua volta molto contrariato per le mancate nomination. Anche lui tramite Twitter, ha espresso la sua rabbia nonché la sua opinione in merito a un premio basato esclusivamente sulla capacità di fare pubbliche relazioni da parte degli artisti e non sul merito.

Anche secondo la cantante Halsey il comitato organizzativo non lavora basandosi esclusivamente sulla musica, ma in base anche ad altri interessi, non specificati. 

Parole di Carlotta Tosoni