Cottagecore: il trend 2021 che celebra il ritorno alla vita rurale

Ecco il trend dell’estate che funziona benissimo anche per l’inverno: si ritorna alla vita rurale con stampe a quadretti, gonne ampie e maglioni di lana. Perfetto per riposarsi sotto il portico di un cottage in campagna o per sfornare il pane

Cottagecore il trend 2021 celebra campagna e vita rurale

Getty Images | Christian Vierig

Il Coronavirus ha indiscutibilmente cambiato molte delle nostre abitudini. Abbiamo dovuto limitare gli spostamenti, gli incotri, soprattutto durante il lockdown. Molti hanno riscoperto abilità e mestieri tradizionali: panificazione, ceramica, giardinaggio. Tornati alla vita, alcuni hanno deciso di trascorrere le vacanze in campagna. Tutto questo ha sicuramente influenzato il trend del 2021: il cottagecore.

Ma cos’è il cottagecore?

In realtà il cottagecore non è una vera e propria innovazione, più che altro un ritorno al passato, o all’idea del passato. La prima immagine che dovrebbe apparire nella vostra mente è uno scenario bucolico: centrini, carte da parati, un cottage in campagna con mobili decapati e un camino acceso. Marmellate fatte in casa, il profumo della crosta del pane. In poche parole, la campagna e la vita rurale, tutto ciò che di diverso c’è dal caos della grande città, la ressa e la fretta degli impegni.

https://www.instagram.com/p/B-2MuFBjMMC/?utm_source=ig_embed

E come si indossa il cottagecore?

Ovviamente c’è un dress code: abiti svolazzanti, maniche a palloncino, tessuti semplici. Sembrerebbe perfetto per l’estate (e in effetti lo è), ma si adatta perfettamente anche all’inverno: provate con una lunga gonna fiorata in tinte pastello, unita a uno spesso maglione di lana, stivali di gomma (il contrasto fa sempre il suo effetto) e magari una giacca cerata

Stampe: frutta, frutta, frutta

Abbiamo già detto che il cottagecore è perfetto per l’estate, infatti sulle passerelle primavera/estate 2020/2021 è andato davvero alla grande. Per le decorazioni gli stilisti hanno avuto una sola parola in testa: frutta. Soprattutto le fragole, come quelle che Alessandro Michele ha usato per la collezione Gucci.

View this post on Instagram

Friday cozy @kinaandtam #ad

A post shared by Sisilia Piring (@sisiliapiring) on

Gingham: il tessuto a quadretti

Il tessuto a quadretti, o gingham, è un pattern abbastanza ovvio quando si pensa alla campagna, alle lunghe passeggiate con pic nic all’aperto. Ma funziona molto bene anche per l’abbigliamento: su un vestito con gonna ampia, per l’estate, o come tessuto per i pantaloni da abbinare a stivaletti e maglione nei mesi più freddi.

Cardigan, gilet e maglioni: purché siano molto spessi

In campagna, si sa, il fresco la sera arriva: ecco che le più organizzate tirano fuori il maglione di lana, anche se è agosto. Ovviamente durante l’inverno è un capo essenziale, ma come sceglierlo? Semplice, non c’è una regola sul colore, vanno alla grande sia i giro collo che i cardigan, anche i gilet sono consentiti, purché siano molto spessi, da indossare morbidi e larghi.

Abiti e gonne: lunghi e a ruota

Lo svolazzamento è d’obbligo. I pantaloni vanno riservati alle attività di giardinaggio e alle scampagnate, per il resto: gonne e abiti. Lunghi e ampi, a fantasia o tinte pastello. Da indossare con una camicia leggera o con un soprabito pesante.

View this post on Instagram

Before my dress was soaked in rain ☔️

A post shared by Trine Kjær (@trinekjaer_) on

Accessori: zoccoli di legno e borse a sacchetto

La vita rupestre non potrebbe non influenzare anche gli accessori: dimenticate le scarpe da tennis, ai piedi solo zoccoli di legno, sabot e scarponcini. Al braccio una borsa di tela, con i manici oppure a sacchetto, stretto con un cordoncino.

View this post on Instagram

happiness in shoe form ✿ @nicole_saldana ✿

A post shared by alyssa coscarelli (@alyssainthecity) on

Parole di Alanews