Taranto: la bimba gettata dal balcone da suo padre è uscita dal coma

Il 7 ottobre scorso la minore ha riportato gravissime lesioni nel violento impatto causato dal folle gesto del genitore. Inizialmente si era temuto il peggio. Prima di aggredire la bambina, l'uomo, 49 anni, ha accoltellato il figlio maggiore.

ospedale

Foto: Pixabay

La bambina di 6 anni gettata dal balcone da suo padre, lo scorso 7 ottobre a Taranto, è uscita dal coma. La minore si è svegliata all’ospedale Gemelli di Roma, dove è stata trasferita per essere sottoposta ad alcuni interventi chirurgici. Inizialmente si era temuto il peggio, a causa delle gravissime lesioni riportate.

Il risveglio al Gemelli di Roma

La bimba gettata dal balcone dal papà lo scorso 7 ottobre è uscita dal coma. Il risveglio, dopo la grande paura sulle sue condizioni di salute, è avvenuto al Gemelli di Roma.

La piccola muove braccia e gambe e sarebbe vigile. Nel nosocomio romano era stata sottoposta ad alcuni interventi.

Nel violento impatto con l’asfalto ha riportato gravissime lesioni. Il padre, che l’ha gettata dal terzo piano di una palazzina del quartiere Paolo VI, aveva aggredito prima il figlio maggiore, 14 anni, accoltellandolo.

Il ragazzo ha riportato ferite lievi, e ad avere la peggio nella brutale aggressione è stata proprio la piccola. Il 49enne avrebbe agito per ‘punire’ l’ex convivente per la fine della loro relazione.

Parole di Giovanna Tedde

Giornalista pubblicista, mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…