Tartan che passione! Tornano le stampe a quadri per colorare l'autunno 2020

Arrivederci a costumi da bagno e abiti fiorati, ben tornato a capispalla, blazer, pantaloni sartoriali, abiti, gonne di lana rigorosamente con stampe a quadri e quadretti

Stampa tartan

Foto Getty Images | Christian Vierig

L’intramontabile stampa a quadri e quadretti scozzesi è una presenza fissa nell’armadio di ogni donna tutti i giorni dell’anno. Tuttavia, la stagione in cui il tartan raggiunge l’apice del suo potenziale è senza ombra di dubbio quella autunnale.

Arrivederci, quindi, alle stampe floreali, tipiche dei mesi primaverili ed estivi, e ben tornati ai capispalla, blazer, pantaloni sartoriali, abiti, gonne di lana con stampe a quadretti.

Quali sono i must have?

Come molte di noi hanno ormai imparato a conoscere, il tartan è un motivo originario delle highlands scozzesi. All’epoca, infatti, i diversi sett (i fili di colori diversi che si ripetono in trama e ordito) identificavano i diversi clan (famiglie) oppure determinate regioni della Scozia stessa.

Oggi, però, ha un ruolo totalmente diverso: dalla royal family, all’iconico motivo di Burberry’s, il tartan ha fatto la propria comparsa su tutte le più importanti passerelle dell’Alta moda. Da Milano, a Parigi, da New York, a Londra, i motivi a quadri e quadretti sono diventati un vero e proprio evergreen per la stagione autunno-inverno di ogni anno e a ogni latitudine.

Il capo in tartan per eccellenza è sicuramente un cappotto check print in grado di dar colore e vivacizzare un total look basic. All’appello non può sicuramente mancare l’iconica gonna plissè (abbinata a degli anfibi) per uno autentico stile punk british.

Foto Getty Images | Christian Vierig 

Se gli anfibi non rientrano nella personale capsule di vestiti, anche delle pumps a tema, come le iconiche slingback di Dior (o simili, a seconda della capienza delle proprie tasche), possono risultare più che adatte.

Foto Getty Images | Edward Berthelot 

Che cosa vuol dire tartan?

La parola inglese tartan deriva dal francese “tiretain”, che probabilmente deriva a sua volta dal verbo “tirer” (tirare), in riferimento alla tessitura della stoffa in contrapposizione al panno in tinta unita.

Tuttavia, alcuni sostengono che il termine tartan derivi anche dalla parola gaelica “tarsainn”, che tradotta in italiano significa “attraverso”.

Parole di Alanews