Sport: il corso di sopravvivenza

Il survival è una pratica che si svolge a contatto con la natura. Si fa in gruppo e permette a gruppi di persone di fare attività come trekking, alpinismo e simili.

Trekking

 
Vi piacerebbe trasformarvi in moderne Jane
Il survival, o meglio conosciuto da noi come “corso di sopravvivenza”, ha iniziato a diffondersi negli anni 80′. E’ uno sport che permette di vivere come “primitivi” o come fanno i vip che partecipano all’Isola dei Famosi!
 
Il survival è una disciplina che permette di vivere qualche giorno a contatto stretto con la natura, senza alcun tipo di comodità; chi partecipa deve riuscire a cavarsela con i mezzi che l’ambiente circostante offre, così come facevano i primitivi e come fanno ancora oggi alcune popolazioni sparse per il mondo. 
Bisogna costruirsi da soli un riparo, andare a caccia o a pesca per procurarsi il cibo; niente tecnologia e comodità a cui siamo abituati!
 
Esistono due tipi di corsi: quello base che dura solo un weekend ed è rivolto a chi non ha nessuna esperienza in questa disciplina e il corso avanzato, frequentato da chi vuole diventare istruttore di survival e dura più giorni.
 
Il corso base prevede attività a contatto con la natura, quindi trekking, alpinismo o simili. 
Le attività si svolgono in gruppo e non sono pericolose: i partecipanti, infatti, sono seguiti da uno staff di esperti del settore e certe pratiche sono solamente simulate. Anche i posti in cui si dorme sono del tutto sicuri.
 
Il survival si può praticare al mare, in montagna, in campagna, nei boschi o vicino ai fiumi e laghi
Vi intriga l’idea di praticare il survival anche solo per un weekend? Allora potete trovare tutte le informazioni sul sito della Federazione Italiana Survival Sportivo e Sperimentale.
 
Diventerete tutte come Jane e, magari, troverete anche il vostro Tarzan!

Parole di Irene

Irene è stata collaboratrice di Pourfemme dal 2008 al 2014, occupandosi principalmente di tematiche relative alla casa e il fai da te, il benessere, i viaggi.