Spora lancia Corsetty, la piattaforma online di formazione per donne libere e indipendenti

Veronica Benini, alias la Spora, ha lanciato una piattaforma online di corsi di formazione per donne che vogliono reinventare la propria strada professionale e personale ma non sanno da dove partire. Corsetty è la nuova piattaforma pensata per un pubblico femminile che non si arrende alla quotidianità e alla routine ma che ha voglia di crescere e di emergere, imparando nuove professioni.

Pubblicato da Angela Bruno Giovedì 28 febbraio 2019

Spora lancia Corsetty, la piattaforma online di formazione per donne libere e indipendenti
Fonte foto: Instagram

“La formazione ti rende libera” questo il leit motiv di Corsetty, la nuova piattaforma online al femminile pensata e fortemente voluta da Spora, alias Veronica Benini, ex architetto e ora imprenditrice milanese con l’obiettivo di lavorare per e con le donne.

Spora è una donna forte, schietta e in gamba, che si è inventata da zero un lavoro sui social e ha creato una community di oltre 50.000 persone. Il motivo del suo successo è sicuramente la spontaneità ma anche le pillole di informazione digital che trasmette alle sue seguaci. La maggioranza delle stesse sono infatti donne, ed è proprio a loro che la Spora si rivolge. Uno dei suoi più famosi claim è “la vita inizia dove finisce il divano” e già questo fa capire quanto il suo intento sia motivazionale e atto a spronare tutte coloro che stanche, deluse, amareggiate, si rassegnano a una vita di routine nell’apatia totale. Spora è una motivatrice, ecco perché invoglia le donne a reinventarsi, a cambiare lavoro, a studiare per farlo, a uscire dalla cosiddetta comfort zone per rimettersi in gioco ed essere finalmente se stesse e felici.

Proprio come ha fatto lei. Di origini italo-argentine, Veronica Benini ha lavorato dal 2005 al 2012 come architetto a Parigi lanciando la Stiletto Academy, la prima scuola italiana di camminata e portamento su tacchi alti. Dopo un periodo di “nomade freelance” dal 2012 al 2014, in cui ha vissuto su un camper pur non avendo la patente per guidarlo, ha collaborato con varie testate giornalistiche, ha vissuto un anno (il 2014) in Argentina dopodiché ha lanciato il progetto della InsplAgenda, un’agenda funzionale e multiuso inizialmente scaricabile dal suo sito, ora acquistabile online. Le consulenze professionali che la Spora fornisce sono importanti al fine di sviluppare e promuovere un’azienda sul web: un esempio su tutte è quello dell’Estetista Cinica, business che ha contribuito a far emergere sui social.

prova
Una foto dell’allestimento del lunch di presentazione di Corsetty

Il 2019 si apre dunque con una grande novità per le donne. La Spora ha presentato il nuovo progetto a un gruppo di giornaliste durante un press lunch molto emozionante e ispirazionale, a cui è stata presente anche la redazione di Pourfemme, nella nuova sede del suo head quarter nel centro di Milano. Corsetty è una piattaforma che promuove l’indipendenza economica e l’autonomia delle donne grazie alla formazione online. Spora lancia questo progetto dopo aver ideato tre corsi online a cinque cifre, motivo per cui ha analizzato come cavalcare questo successo. I corsi organizzati spaziano dal benessere al marketing, dall’imprenditoria al cucito passando per la moda, il tech, la fiscalità e così via. Tutti i corsi sono tenuti dalle Capitane influencer e strutturati con video, testi ed esercizi online. Attraverso questa piattaforma online le donne possono finalmente cercare la propria strada, studiare per la propria formazione ed emergere, lontano dai soliti assetti.

Spora e il suo team credono nel lavoro di squadra, nella rete di donne che si aiutano e che fanno fronte comune, nella possibilità di cadere e rialzarsi, nel continuo sperimentare e percorrere nuove strade senza farsi intimorire dai fallimenti che si possono incrociare. La positività e l’energia di Spora è ispirazionale e vincente, la formazione che offre attraverso Corsetty è una mano tesa a chi ha voglia di cambiare ma non sa da dove iniziare. Iniziamo ad amarci e aggrappappiamoci a quella mano.