Spacca il setto nasale alla fidanzata con un pugno. Marocchino agli arresti domiciliari per spaccio confessa: “Aveva bruciato la cena”

Il giovane, con numerosi precedenti alle spalle, era ospite dalla fidanzata per il periodo degli arresti domiciliari. L'uomo, che l'avrebbe aggredita più volte durante i medi di detenzione casalinga, ha raggiunto il massimo della violenza sferrando un pugno in pieno viso alla ragazza.

Pubblicato da Redazione Venerdì 29 giugno 2018

Spacca il setto nasale alla fidanzata con un pugno. Marocchino agli arresti domiciliari per spaccio confessa: “Aveva bruciato la cena”
Pixabay

Aveva più volte picchiato la fidanzata nei mesi precedenti, ma ha raggiunto il massimo quando ha spaccato il naso alla ragazza con un pugno. Lei, bresciana e che ospitava il fidanzato agli arresti domiciliari per spaccio e rapina, aveva bruciato la cena e lui non si è fermato dal ‘punirla’.

Secondo quanto ricostruito, il ragazzo di 27 anni era già agli arresti per spaccio e rapina, ma sarebbe stato beccato a spacciare, ancora, nella zona in cui viveva la fidanzata da cui era ospite.

La compagna, che si era resa disponibile a ospitare il ragazzo nei mesi di detenzione domiciliare, ha subito violenze per diverso tempo. Il culmine è stato raggiunto quando il giovane marocchino ha tirato un pugno al viso della donna, colpevole di aver bruciato la cena. Per lei setto nasale rosso, sangue a fiumi e 30 giorni di prognosi.

E’ stata proprio l’ultima aggressione che ha spinto la giovane a denunciare il fidanzato ma, questo, alla notizia l’avrebbe colpita ancora una volta. Al momento, il giovane, si trova in carcere