Smettere di fumare è più difficile per le donne?

Smettere di fumare è più difficile per le donne? Secondo studi recenti per una donna, soprattutto se non più giovanissima, dire addio al fumo diventa decisamente più difficile che per un uomo.

smettere di fumare difficile per le donne

Smettere di fumare sarebbe decisamente più difficile per le donne: la rivelazione arriva da un recente studio che avrebbe dimostrato come, per la parte femminile dei fumatori, sarebbe più difficile dire addio alle sigarette. Con una differenza: le donne giovani sono più determinate rispetto agli uomini nello smettere di fumare ma per le donne di una certa età dire addio a questa cattiva abitudine risulta decisamente molto difficile. Vediamo insieme come mai, per le donne, sarebbe più difficile smettere di fumare.

“Per avere la certezza di non sbagliare e di essere in grado, al termine dell’indagine, di fornire un’informazione solida e utile ai colleghi che devono supportare i tentativi di chi vuole smettere di fumare, abbiamo allargato l’orizzonte di osservazione a Regno Unito, Canada e Stati Uniti e utilizzato i dati dei 3 registri nazionali che per gli anni 2006-2007 si riferivano a più di 102.000 fumatori” ha detto Martin Marvis, psicologo dell’University College di Londra.

Dai risultati dello studio è emerso che “sotto i 50 anni erano le donne a mostrarsi più ferme nel mantenere i loro buoni propositi; tra queste, una menzione speciale meritano le 20-30enni. Sopra i 60 anni la tendenza si invertiva ed erano gli uomini a ottenere successi più frequenti nella lotta al fumo“. Dai dati emerge comunque che la percentuale di donne che riesce a dire addio alla sigaretta è minore rispetto agli uomini. Perchè?

Le donne giovani sarebbero più motivate, soprattutto in vista o durante una gravidanza. Per le donne più mature invece, il fumo diventa una vizio molto difficile da abbandonare.

Alessandro Oliva, specialista in Malattie dell’Apparato Respiratorio e responsabile del Centro per il Trattamento del Tabagismo dell’Ospedale Mauriziano di Torino sottolinea che, “ci sono momenti nella vita delle persone in cui la motivazione a buttare per sempre la sigaretta è più forte. Per le donne si tratta degli anni di una possibile gravidanza, quando fa leva il desiderio di garantire maggiore benessere a se stesse e ai figli in arrivo o in tenera età (per questi ultimi mi riferisco anche al fumo passivo). Per gli uomini si tratta invece della maturità, allorché gli anni di fumo accumulati pesano sulla salute e si traducono nei primi malanni. La letteratura medica è unanime nell’affermare che al primo ricovero per un infarto o per una bronchite cronica fa spesso seguito il primo tentativo di disassuefazione. Questi momenti corrispondono alle fasce di età più virtuose descritte dallo studio”.

Secondo l’esperto italiano è comunque molto pericoloso generalizzare le informazioni di studi come questo, perchè ogni persona che si assiste in un ambulatorio è un caso a sè. Inoltre, di fronte a questi risultati, le donne potrebbero crearsi un alibi che le porterebbe a non impegnarsi nella lotta contro il fumo.

Parole di Francesca Bottini

Francesca Bottini è stata collaboratrice di Pourfemme dal 2009 al 2018, occupandosi principalmente di alimentazione, benessere, tematiche legate alla maternità e alla famiglia.