Sinergia degli alimenti: come abbinare i super food

Si fa presto a chiarmali “super food”, ma per trarre i massimi benefici dagli alimenti andrebbero consumati in sinergia. Ecco come fare

Donna che cucina

Foto Shutterstock | KarepaStock

Si fa presto a chiarmali “super food”. È vero, esistono alimenti che, di per sé, sono davvero ricchissimi di benefici, dei veri e propri concentrati di proprietà nutritive, ma per la maggior parte servirebbe una spintarella per tratte il massimo vantaggio dal loro consumo. Si chiama sinergia degli alimenti e adesso vi spieghiamo cos’è.

La sinergia degli alimenti: il giusto modo di abbinarli

L’idea della sinergia ha origine nell’erboristeria, il concetto è piuttosto semplice: le erbe sprigionano il massimo potere se abbinate correttamente tra loro. Lo stesso vale per le spezie e tutti gli altri alimenti di cui ci nutriamo.

Così, su due piedi, può sembrare complicato se non si conoscono tutte le proprietà di un singolo prodotto, quindi vi consigliamo di seguito qualche abbinamento per iniziare a consumare il cibo in sinergia.

Curcuma e semi neri

Ci sono diversi studi che hanno provato la connessione tra curcuma e semi neri. La sinergia, in questo caso, va a vantaggio del sistema cardiovascolare e della salute metabolica. La componente principale dei semi neri è il timochinone, quella della curcuma la curcumina, questi due composti chimici a quanto pare fanno scintille se abbinati.

curcuma pepe
Foto Shutterstock | Neus Nettle

Tè, zenzero, pepe nero e basilico

Secondo le regole della sinergia, questi quattro alimenti combinati tra loro sono una bomba di antiossidanti: utili a contrastare molte malattie, dal cancro all’artrite, il Parkinson, l’Alzheimer, sostentendo il sistema cardiovascolare. Il modo migliore per consumare tè, zenzero, pepe nero e basilico: un semplice quanto efficace infuso.

te infuso tazza tavolo
Foto Getty Images | David S. Holloway

Tè verde, olio di semi d’uva, amla, melagrana, cannella e ginko

L’idea alla base di questo abbiamento è che i flavonoidi e i fenoli contenuti nell’olio di semi d’uva, nell’amla (conosciuta anche come uva spina indiana), la melagrana, nella cannella e nel ginko, abbinati al tè verde ne aumentano l’attività antiossidante.

Limone e infusi alla frutta

Se siete abituate a mettere il limone nei vostri infusi a base di frutta, sappiate che state già operando con sinergia. Gli antiossidanti contenuti nell’agrume infatti cooperano perfettamente con i polifenoli nei tè alla frutta. Dolcificando con il miele, invece, si inibisce un po’ l’effetto, ma niente di preoccupante dato che il miele è anch’esso ricco di proprietà benefiche.

cioccolato cacao
Pixabay | AlexanderStein

Cacao

Spesso sentiamo dire quanti benefici possieda il cacao, ed è verissimo. Ma dovremmo anche soffermarci un momento a pensare che qualche volta la natura ne sa più di noi: consumare un alimento “estratto” dalla sua pianta come prodotto singolo può infatti ridurne i benefici. La sinergia che si crea nel cioccolato, infatti, supera di gran lunga i benefici del cacao consumato singolarmente. Nel cioccolato sono presenti flavanoli e xantina (come teobromina e caffeina), che lavorano in sinergia.

Il cioccolato quindi, ci dicono alcuni studi, è in grado di sviluppare la capacità delle arterie di espandersi, a beneficio del nostro sistema cardiovascolare.

pomodoro aglio rosmarino

Pomodoro e aglio

Sì, avete capito bene: la bruschetta fa bene alla salute. Il pomodoro contiene moltissimi nutrienti utili a combattere i radicali liberilicopenebetacarotenevitamine C ed E. Consumandolo con aglio e con acido rosmarinico (contenuto nel rosmarino, ovviamente) gli effetti del frutto ne traggono enorme beneficio, dimostrandoci che la sinergia che la sinergia degli alimenti è già, spesso, presente nella nostra cucina quotidiana.

Parole di Alanews