Si masturba davanti ai bambini ai giardinetti, 25enne arrestato

Il fatto è accaduto nel Milanese. Autore del gesto un giovane ritenuto insopsettabile, incensurato, che si sarebbe denudato per poi compiere autoerotismo incurante dei bambini a pochi metri da lui. L'arresto è scattato con l'accusa di atti osceni in luogo pubblico, aggravati dalla presenza di minori.

da , il

    Si masturba davanti ai bambini ai giardinetti, 25enne arrestato

    Un 25enne è stato arrestato per essersi masturbato davanti ai bambini ai giardinetti. L’episodio è accaduto a Vizzolo Predabissi, nel Milanese, e l’autore del folle gesto sarebbe un insospettabile, incensurato, su cui ora grava l’accusa di atti osceni in luogo pubblico, aggravati dalla presenza di minori. Nel parchetto vicino a casa sua, incurante dei piccoli, si sarebbe denudato per poi compiere l’atto.

    Si masturba al parco: arrestato

    Il giovane arrestato dai carabinieri a Vizzolo Predabissi sarebbe incensurato. Il suo è il profilo di un perfetto insospettabile, e per lui sono scattate le manette. Sul posto i militari della compagnia di San Donato.

    L’accusa è gravissima: atti osceni in luogo pubblico, aggravati dalla presenza di minori. L’arresto è avvenuto nella mattinata del 23 aprile scorso, quando il ragazzo si sarebbe recato presso i giardinetti per poi denudarsi e masturbarsi davanti a tutti.

    Ad allertare le forze dell’ordine sarebbero stati i genitori di alcuni bambini presenti nel parchetto, sconvolti da quanto si stava consumando in loro presenza. Il 25enne è stato sorpreso in flagranza di reato.

    Atti osceni in luogo pubblico: cosa prevede la legge

    La legge italiana (come da dispositivo dell’art. 527 del codice penale) prevede una sanzione amministrativa pecuniaria per questo genere di reati. Si parte da un minimo di 5mila euro sino a un massimo di 30mila euro per atti osceni in luogo pubblico.

    L’aggravante della condotta in presenza di minori implica l’applicazione della pena detentiva con la reclusione da 4 mesi a 4 anni e 6 mesi (se il fatto avviene all’interno o nei pressi di luoghi frequentati abitualmente da minori).