Sentenza shock: stupratore potrà vedere il figlio nato dalla violenza sessuale su una 15enne

Una decisione che ha lasciato senza parole un'intera nazione e ha gettato nel panico la vittima: 'Temo che da un momento all'altro apra quella porta e torni a farmi del male'.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 28 novembre 2018

Sentenza shock: stupratore potrà vedere il figlio nato dalla violenza sessuale su una 15enne
Foto: Pixabay

Una recente sentenza della Corte di Rotherham, nel Regno Unito, ha sconvolto l’opinione pubblica e la vittima di uno stupro. A 15 anni è rimasta incinta dopo essere stata violentata, e per il suo aguzzino è arrivata una decisione favorevole all’incontro col figlio.

Lo stupratore potrà vedere il figlio

Lo stupratore di una 15enne potrà vedere il figlio nato dall’abuso. Lo ha stabilito la Corte di Rotherham, in accoglimento all’istanza dell’uomo per ottenere il ricongiungimento con il bambino.

Potrà andare a trovarlo, addirittura nella residenza della vittima che lo aveva denunciato e trascinato in tribunale con l’accusa di violenza sessuale. Un reato per il quale è stato riconosciuto colpevole e sta scontando una pena detentiva.

Arshid Hussain era stato condannato per aver stuprato la minorenne, che oggi convive con il concreto rischio che il suo aggressore si materializzi davanti alla sua porta.

Oggi la vittima ha 33 anni, si chiama Sammy Woodhouse e ha rinunciato all’anonimato per rivendicare il suo diritto alla tutela contro l’uomo che l’ha violentata e messa incinta quando era ancora una bambina.

Lui, che di anni nel ha 43 e al momento dei fatti per cui è finito in carcere ne aveva 25, è uno dei più pericolosi criminali locali, membro di una gang asiatica nota alle forze dell’ordine.

La decisione dei giudici

Hussain è stato condannato per stupro a 35 anni di carcere. Nonostante questo, e ben 9 vittime sulla coscienza tra cui una bimba di 11 anni, gli è stata concessa la possibilità di stabilire un contatto con il figlio attraverso la pianificazione di una serie di visite.

Ma oltre a questa apertura nei confronti del 43enne, un’altra onda di terrore si è abbattuta sulla vittima: secondo il Consiglio di Rotherham, infatti, l’uomo ha diritto a presentare istanza di custodia del bambino.

LEGGI ANCHE: La vittima indossava il perizoma, stupratore assolto