Selfie con il fidanzato a 19 anni: il padre li uccide entrambi

Un duplice delitto d'onore, quello della 19enne e del suo fidanzato assassinati in Pakistan per mano del padre di lei. A denunciare l'uomo è stata la moglie, che non ha mai creduto al suicidio della figlia.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 5 dicembre 2018

Selfie con il fidanzato a 19 anni: il padre li uccide entrambi
Foto: Pixabay

Un selfie con il fidanzato a 19 anni, un amore fresco da celebrare sui social, come le ragazze della sua età. Poi la fine. Il padre di lei ha ucciso entrambi per il “disonore” causato alla famiglia. Il duplice omicidio in Pakistan, circa un mese fa.

Uccisa dal padre per un selfie

Un delitto consumato in nome dell’onore, per colpa di una semplice foto. Un uomo avrebbe ucciso la figlia 19enne e il suo fidanzato per un selfie, che i due si erano scattati come fanno i giovani della loro età.

Uno scatto innocente pagato con la vita di due ragazzi che, secondo la visione del genitore di lei, avrebbero gettato il buon nome della famiglia nella vergogna.

I fatti sono accaduti circa un mese fa, in Pakistan, e sono saliti alla ribalta dopo la denuncia della madre della ragazza uccisa. È stata lei a far arrestare il marito, Abdul Raheem, spinta dal fortissimo sospetto che avesse avuto un ruolo nella morte della giovane e del suo fidanzato.

Marina, questo il suo nome, apparteneva ai Pashtun, tradizionalisti pakistani residenti a Swat (nella provincia di Khyber Paktunkhwa).

Sarebbe bastata una banale immagine dei due innamorati a scatenare la furia omicida del padre. Una vera e propria esecuzione, portata a termine a colpi di pistola contro il ragazzo.

La figlia, invece, sarebbe morta avvelenata, e l’uomo avrebbe cercato di depistare facendo passare il decesso per un suicidio. Una versione che non ha mai convinto la mamma, determinata a scoprire la verità sulla fine della 19enne.

LEGGI ANCHE: Morti per un selfie: quando uno scatto si trasforma in tragedia