Salvò due bambini dalle fiamme: migrante tunisino a rischio espulsione

Aymen eroe come Mamadou, lo 'Spiderman' che salvò un bimbo arrampicandosi sino al quarto piano di un palazzo. Due gesti di grande valore, ripagati, però, con una diversa moneta: il 25enne che salvò due minori da uno spaventoso incendio potrebbe lasciare la Francia tra pochi giorni.

da , il

    Salvò due bambini dalle fiamme: migrante tunisino a rischio espulsione

    Una Francia a doppio senso di marcia, quella in cui un migrante tunisino che salvò due bambini dalle fiamme rischia l’espulsione e in cui Macron, pochi giorni fa, ha dato la cittadinanza e un lavoro a un clandestino eroe. La storia di Aymen potrebbe avere un epilogo infelice, nonostante abbia fatto una cosa incredibile per aiutare il prossimo.

    Francia: eroe che viene, eroe che va nella nazione di Macron

    Si può proprio dire così, per la nazione guidata dal presidente Macron, in cui per un eroe che viene, un altro se ne va (o rischia di andarsene).

    La storia, simile per certi aspetti a quella del clandestino eroe che, pochi giorni fa, ha scalato a mani nude un palazzo sino al quarto piano per salvare un bambino dall’imminente caduta, sta tenendo sotto scacco l’opinione pubblica francese. Oltre, ovviamente, ai legali del protagonista che hanno dichiarato guerra contro le discriminazioni.

    Aymen ha 25 anni, nazionalità tunisina, e nel 2015 non si fece scrupoli a gettarsi tra le fiamme per strappare da morte certa due bambini.

    Un gesto eroico stretto sotto il giogo della burocrazia, che nulla vede e nulla ascolta se non i dati oggettivi di una questione comune a moltissimi altri migranti: il permesso di soggiorno è scaduto, per questo, all’orizzonte, si profila sempre più concreta l’ipotesi espulsione.

    Aymen non è Mamadou: due vite simili, due destini diversi

    Mamadou ha salvato un bambino arrampicandosi sino al quarto piano, eroe improvvisato che Emmanuel Macron in persona ha voluto premiare con la promessa di un futuro in terra francese.

    Un destino, quello dell’ormai noto ‘Spiderman’ delle cronache internazionali, ben diverso da quello che attende Aymen, a breve destinatario di un decreto di espulsione perché sprovvisto del permesso di soggiorno in corso di validità.

    Eppure, anche lui aveva fatto qualcosa di eroico, salvando due bimbi da un incendio, intrappolati in un appartamento preda di spaventose fiamme. Per Aymen, soltanto una medaglia.

    Philippine Parastatis, avvocato difensore del 25enne che sta per essere espulso, ha lanciato un appello al presidente Emmanuel Macron, affinché non diventi realtà il triste e ingiusto detto: “Due pesi e due misure”.