Rubano un’auto, 12enne travolta e uccisa: uno dei due scende e scopre che è sua figlia

L'uomo, che si trovava a bordo del veicolo guidato da un cugino, è sceso a controllare le condizioni della vittima e ha fatto la terribile scoperta.

Pubblicato da Giovanna Tedde Venerdì 15 febbraio 2019

Rubano un’auto, 12enne travolta e uccisa: uno dei due scende e scopre che è sua figlia
Foto: Pixabay

Era a bordo di un’auto rubata, guidata dal cugino. Il veicolo, lanciato a folle velocità, ha travolto e ucciso una 12enne appena scesa da un autobus. Lui, sceso a prestare soccorso, ha scoperto che si trattava di sua figlia.

Scende dall’auto e scopre la figlia sull’asfalto

Abbie McLaren è morta sull’asfalto lo scorso 12 febbraio a Motherwell, nel North Lanarkshire (Scozia). Era appena scesa da un autobus quando un’auto, lanciata a folle velocità, l’ha travolta e uccisa.

A bordo due uomini, cugini, uno dei quali è sceso per sincerarsi delle condizioni della vittima. La scoperta lo avrebbe lasciato impietrito davanti all’orrore appena compiuto: era sua figlia.

Martin McGuire, 38 anni, è il conducente del veicolo, ma non ne è il proprietario. La macchina, infatti, risulta rubata e per questo si sarebbe avventurato per le strade della città in una corsa spericolata.

È accusato di omicidio colposo causato da guida pericolosa e di guida senza patente. L’aggravante è che l’auto non aveva l’assicurazione.