Come fare il pan di spagna a regola d'arte

Ecco la ricetta della base perfetta per una torta semplice, o un dessert elaborato: il pan di spagna, reso morbidissimo da qualche trucco

torta pan di spagna limone

Pixabay | moiranazzari

La base per una torta semplice, e che si possa ingolosire con gli ingredienti e le creme che più ci piacciono, è di certo il pan di spagna. Questa preparazione di base della pasticceria è fondamentale per creare un dessert ricco ed elaborato, o una veloce merenda per i bambini.

Con l’arrivo delle festività, saper fare un pan di spagna a regola d’arte può essere utile per sorprendere i propri ospiti con un dolce diverso dal tradizionale panettone o pandoro.

Ecco la ricetta per un perfetto pan di spagna, reso morbidissimo da qualche trucco.

Gli ingredienti per il pan di spagna regola d’arte

Gli ingredienti sono solo trezucchero, farina e uova, che dovranno essere davvero freschissime per un risultato impeccabile e un gusto eccezionale.

Per una tortiera da 20 centimetri, basteranno 100 grammi di zucchero, 100 di farina (ricordare e proporzioni, in questo caso, è davvero semplice) e 3 uova.

Per la preparazione del pan di spagna

Se non avete accesso ad una impastatrice elettrica, il primo consiglio che possiamo darvi è di montare tuorli e albumi separatamente: sarà più facile ottenere una crema spumosa. Unite quindi i tuorli a metà dello zucchero e sbattete i due ingredienti finché non avranno raggiunto una consistenza spumosa e un colore chiaro (la crema ottenuta deve “scrivere”: sollevando la frusta, il composto deve lasciare una traccia consistente e ben definita).

In un’altra ciotola montate gli albumi. Un altro segreto: il sale, spesso citato nelle ricette per montare il bianco dell’uovo, non è necessario. Anzi, può addirittura essere controproducente, dato che “tirerà fuori” l’acqua dall’albume. Se volete facilitare il vostro compito, nel caso, utilizzare invece un pizzico di cremor tartaro. Ad ogni modo, una volta che i vostri albumi avranno raggiunto una consistenza spumosa, potrete iniziare ad aggiungere il restante zucchero per finire di montarli.

Se invece utilizzate un robot da cucina, potrete montare le uova intere con tutto lo zucchero

Incorporate quindi i tuorli mescolando con la frusta o con una spatola (prestando attenzione a fare movimenti delicati dal basso verso l’alto) e non preoccupatevi se il composto non si sarà amalgamato completamente, tanto andrà ancora lavorato e non vogliamo certo rischiare di smontarlo.

A questo punto, potrete iniziare ad unire la farina: prima 50 grammi, setacciandola bene e aiutandovi a mescolarla con una frusta. L’altra metà della farina andrà unita lavorando con una spatola, sempre in modo delicato, fino a raggiungere un prodotto omogeneo.

Mi raccomando: mai, mai, mai sbattere la frusta o la spatola sul bordo del recipiente. Sappiamo che la tentazione è forte, ma facendolo rischiereste di far fuoriuscire l’aria che, con tanta fatica, siete riuscite ad inserire nell’impasto.

Una volta terminata la preparazione, trasferite il composto in una tortiera infornate a 175-180 °C per 20 minuti.

Molti per evitare che l’impasto si incolli alla tortiera in cottura utilizzano burro e farina, ma in questo modo, oltre a rischiare comunque che il pan di spagna di incolli ai bordi, si potrebbe anche avvertire un sapore farinoso, o peggio bruciato, nel prodotto finale. Il consiglio, quindi, è quello di spendere un po’ di tempo ritagliando nella carta forno un cerchio per la base e una lunga striscia per i bordi. È un piccolo sforzo, ma importante per il risultato finale.

La tempistica e la temperatura, ovviamente, andranno regolate in base al vostro forno: il vostro pan di spagna sarà perfetto quando la superficie sarà liscia e dorata, la “prova dello stecchino” sarà superata e picchiettandolo col dito risulterà ben sodo ed elastico.

Lasciate raffreddare completamente il vostro pan di spagna prima di tagliarlo e farcirlo: se dovesse essere ancora caldo, oltre a rischiare di guastare qualsiasi cremapotrebbe sbriciolarsi.

Parole di Elena Pavin