Ricattato dagli usurai: lui non paga loro pubblicano in rete fotomontaggi porno della figlia minorenne

Ora i responsabili dell'agenzia di prestiti russa rischiano fino a dieci anni di carcere per aver prodotto e diffuso materiale pedo-pornografico

Pubblicato da Beatrice Elerdini Martedì 13 novembre 2018

Ricattato dagli usurai: lui non paga loro pubblicano in rete fotomontaggi porno della figlia minorenne
Foto: Pixabay

Dalla Russia arriva una storia di disperazione e ricatti. Un uomo, Igor (nome di fantasia), è stato costretto a chiedere un prestito di 250 euro un’agenzia di Khabarovsk. Le sue finanze erano ridotte all’osso con una madre da mantenere e una figlia giovane da crescere. Quel piccolo prestito però ha complicato drammaticamente la vita dell’uomo. Un tasso da usurai, ben presto, gli ha impedito di pagare le rate mensili. A quel punto gli strozzini hanno messo in atto un piano di ricatti spietato.

Telefonate minatorie a ogni ora del giorno e della notte, minacce di botte e di morte contro di lui e la sua famiglia, vessazioni di ogni genere. Alla fine la rivendicazione più atroce. Come riporta il Mirror, gli strozzini hanno preso di mira la figlia minorenne di Igor. Hanno ritagliato il suo volto e lo hanno applicato con un abile lavoro di photoshop al corpo di attrici hard su siti porno.

‘Se rispetterai le scadenze delle rate del tuo debito, i miei uomini che stampano e distribuiscono queste immagini saranno puniti, le foto saranno rimosse, mi scuserò con tutti e tua figlia sarà riabilitata. Altrimenti quelle foto resteranno lì dove sono’. Sono state le parole di uno degli esattori al padre. La giovane quando ha scoperto cosa era successo ha avuto un malore.

‘Poi ho saputo dai miei amici che quelle foto si stavano diffondendo su internet a macchia d’olio e questo mi ha provocato una crisi isterica. Senza contare gli insulti e il cyberbullismo che ho dovuto subire a causa di quelle immagini: un incubo’. Ha raccontato la ragazzina.

Gli strozzini hanno scritto direttamente anche a lei: ‘Capisci quanto sia seria la tua situazione? Ci sono in gioco la tua vita e la vita di tua nonna, e questo è tutto a causa di tuo padre. Chiedigli perché non sta pagando il debito e si sta nascondendo dietro le tue spalle. La tua vita sarà insopportabile’. Minacce inviate tramite messaggi.

Sulla vicenda è stata perta un’inchiesta della Polizia, che ha sequestrato computer e documentazione dell’agenzia di prestiti. I responsabili rischiano fino a dieci anni di carcere per aver prodotto e diffuso materiale pedo-pornografico. A ciò si aggiungono le accuse relative alle minacce inflitte a Igor e alla sua famiglia.

LEGGI ANCHE: Mestre, bimba di 3 anni rapita per costringere la madre a rubare e saldare il debito dell’ex