Raffreddore da fieno: sintomi e rimedi naturali

Informazioni utili, sui sintomi, le cause e i rimedi naturali, del raffreddore da fieno, per conoscerlo e riconoscerlo al meglio.

raffreddore da fieno

Una forma allergica, il raffreddore da fieno non è altro che una rinite allergica, una malattia da raffreddamento, caratterizzata da continui starnuti e naso gocciolante, che è causata da una reazione allergica. Chi sono i responsabili? Le cause e i sintomi? Ecco qualche informazione utile, sui sintomi e i rimedi naturali, per conoscere e riconoscere, trattare e curare al meglio il raffreddore da fieno.

Cos’è il raffreddore da fieno?

L’espressione è decisamente evocativa. Con il termine raffreddore da fieno si intende la reazione allergica che coinvolge le alte vie respiratorie e gli occhi scatenata dalla presenza di agenti allergizzanti. In particolare, finiscono sul banco degli imputati due tipologie di allergeni, i pollini, responsabili soprattutto delle forme di raffreddore da fieno primaverili, e le muffe, le cui spore causano la comparsa dei sintomi allergici in autunno.

Che si tratti di pollini o di muffe, i problemi, cioè i sintomi più fastidiosi, cominciano quando il polline o le particelle delle muffe vengono inalati ed entrano in contatto con le mucose del naso. A questo punto gli anticorpi IgE (immunoglobine di classe E), che riconoscono gli allergeni presenti nei pollini e nelle spore di muffa riconoscendoli come nocivi, entrano in azione, reagendo in modo anomalo e scatenando la reazione allergica.

I sintomi

La sintomatologia tipica del raffreddore da fieno comprende: occhi arrossati, starnuti ripetuti, lacrimazione abbondante e anomala, naso chiuso e gocciolante, bruciore e prurito al naso e agli occhi.

I rimedi naturali

Per contrastare in modo efficace il raffreddore da polline è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali efficaci. Rientrano nella categoria dei trucchi della nonna, cento percento naturali, per esempio, i lavaggi nasali da fare con acqua e sale o con soluzione fisiologica: esistono preparati con siringa o fialette già pronti per l’utilizzo, ma si possono anche preparare delle soluzioni per lavaggi fai da te, mescolando acqua e sale e utilizzando una siringa senza ago. Molto utili, per liberare le alte vie respiratorie dal muco in eccesso e alleviare la sensazione di naso chiuso e gocciolante, anche i suffumigi con acqua e bicarbonato di sodio.

Come antinfiammatorio e lenitivo, la fitoterapia propone un antistaminico naturale, come la plantago maior, l’elicriso rupestre, dall’azione anticongestionante, da assumere alcuni mesi prima del periodo allergico sotto forma di tintura madre.

Parole di Camilla Buffoli

Camilla Buffoli è stata una collaboratrice di Pourfemme dal 2011 al 2017, occupandosi principalmente di salute della donna e tematiche relative alla maternità. Nel corso del 2014, ha scritto di curiosità ed eventi su Nanopress.