Professore fa gli auguri a Hitler su Facebook: “Sono stato frainteso”

Il docente ha subito rimosso il post dopo le prime critiche e ha inviato una nota alla stampa per spiegare che gli auguri sarebbero stati rivolti non ad Hitler ma all'artista berlinese Colmar Walter Hahn

da , il

    Professore fa gli auguri a Hitler su Facebook: “Sono stato frainteso”

    Un professore viene accusato di avere fatto gli auguri di buon compleanno a Hitler su Facebook. E’ successo ad Ascoli Piceno e l’autore del post è un docente dell’Istituto Tecnico Agrario ‘Ulpiani’. La vicenda ha subito scatenato molte polemiche e il post è stato rimosso. Il prof però si difende sostenendo di essere stato completamente frainteso.

    “Einhundert neunundzwanzig alles Gute zum Geburtstag Wünsche”, recitava il testo del post, che tradotto significa: “Centoventinove volte auguri di buon compleanno”.

    Immediato l’intervento del Comitato Antirazzisti Piceni che ha allertato le autorità scolastiche, il Miur e il Prefetto di Ascoli Piceno: “L’Italia è una Repubblica democratica ed antifascista e la sua scuola pubblica ha tra i suoi compiti quello di educare al valore e ai principi su cui si fonda la Costituzione di questo Paese. Non deve dunque esistere alcun ruolo pubblico per chi non solo disconosce i principi basilari e fondanti del convivere democratico, ma addirittura manifesta aperta simpatia con l’emblema incarnato della negazione non solo di tutti i principi democratici che ci identificano, ma addirittura dei diritti umani”.

    Però il prof getta acqua sul fuoco: come si legge in una nota da lui diffusa gli auguri di buon compleanno sarebbero stati rivolti all’artista berlinese Colmar Walter Hahn e sarebbero poi stati del tutto travisati volendo associarli in maniera pretestuosa al dittatore Adolf Hitler.

    La nota del professore

    Pubblichiamo la nota inviata dal professore alle agenzie di stampa: “Il pandemonio che si è creato ha del surreale. Stamattina mi è venuta la “brillante” idea di fare gli auguri di buon compleanno a Colmar Walter Hahn, artista e fotografo nato il 20 aprile 1889 a BERLINO, che ha documentato l’orrore dei bombardamenti al fosforo subiti da Dresda da parte degli americani. Chi conosce l’artista e sa di cosa stavo parlando, ha infatti commentato “tanti auguri allo zio di Berlino” e ho messo anche un like al commento. Dopodiché si è scatenato l’inferno. Non so chi abbia iniziato, ma il mio post è stato travisato, volendo a tutti i costi associarlo al dittatore Adolf Hitler. Per di più nato in Austria, a Branau am Inn e non a Berlino. Forse se avessi scritto 129 volte auguri di buon compleanno “zio” Walter, tutto questo non sarebbe successo… Per di più, se si visita la mia pagina Facebook non c’è nemmeno un’immagine legata, né tantomeno inneggiante, a fascismo o nazismo. A meno che non si vogliano prendere in considerazione delle scatole di modellini o immagini della prima guerra mondiale. Non sono di sinistra e lo sanno anche i sassi, ma questo tipo di associazione mi appare forzata e esagerata”.