La principessa Amalia d'Olanda rinuncia all'indennità per i suoi 18 anni

La principessa è il primo membro della casa reale a rinunciare alla sua indennità da 1,6 milioni di euro

Principessa Amalia

Foto Instagram | @amalia_v_oranje

La principessa olandese Catharina Amalia si accinge a compiere 18 anni e avrà diritto all’appannaggio reale che il governo olandese ha stabilito a 1,6 milioni di euro. Ma la primogenita di re Guglielmo Alessandro e della regina Maxima non ha intenzione di accettare quel denaro, suggellando un primato nella storia della famiglia reale olandese, in un momento storico flagellato dalla pandemia e dalla crisi che ne consegue.

Leggi anche: Kate Middleton incontra Jill Biden, ed è subito intesa

La lettera di Amalia d’Olanda al ministro olandese

Non li merito“, sono queste le parole con cui Amalia ha espresso il gran rifiuto, in uno slancio di sincerità, che ha attirato l’attenzione del mondo intero. La giovane erede ha messo nero su bianco la sua intenzione, inviando una lettera al Primo ministro olandese, Mark Rutte. “Il 7 dicembre 2021 compirò 18 anni e, secondo la legge, riceverò un’indennità. La cosa mi mette decisamente a disagio, almeno fino a quando potrò offrire così poco in cambio, a maggior ragione in un momento in cui altri studenti stanno vivendo un periodo molto più difficile a causa del Covid“, si legge nella lettera che la giovane Amalia ha indirizzato al Primo ministro.

Amalia: “Voglio guadagnare quei soldi, non riceverli per diritto”

Soltanto una settimana fa, la principessa olandese si è diplomata con lode al liceo classico. Ma, prima di iniziare l’università, si prenderà un anno sabbatico, probabilmente per viaggiare e lavorare, con le sue sole risorse. “Voglio guadagnare quei soldi e non riceverli per diritto acquisito“, ha spiegato Amalia, annunciando la volontà di rimborsare i 300 mila euro di reddito annui a cui aveva diritto mentre studiava. Con questo gesto, Amalia sarà il primo membro della casa reale a rinunciare alla sua indennità, un segnale forte verso la stessa istituzione monarchica olandese, la più costosa d’Europa dal 2012, quando ha superato quella britannica.

Parole di Linda Pedraglio