Principe Harry è felice in America, ma gli manca la Grand Bretagna

Il principe Harry in America è felice, ma soffre per la separazione dalla Gran Bretagna e (soprattutto) i malumori creati nella Royal Family

Harry e Meghan

Foto Getty Images | Ben Birchall - WPA Pool

Megxit è stata rimandata nuovamente, ma il malessere dei Sussex (soprattutto di Harry) si fa sentire. Stando a una fonte vicina alla coppia, ossia  il giornalista Tom Bradby, che nel 2019 è stato a contatti con Meghan e Harry per le riprese dei documentario sulla coppia (quasi ex) reale. «La decisione di lasciare Londra ha ferito i sentimenti di molti», aveva detto Bradby al programma Love Your Weekend with Alan Titchmarsh

Bella l’America, ma Londra è Londra

A quanto pare, tra i motivi di malessere di Harry non c’entra affatto l’America di se e per se. Il principe, infatti, sarebbe molto felice nel Nuovo Continente insieme a Meghan e prole. Il problema è la lontananza dagli amici di una vita e sembrerebbe essere addolorato per i malumori creatisi all’interno della Famiglia Reale.

«Ero lì per le riprese, ma mi sono accorto che non stavano alla grande. Allora ho chiesto a Meghan come fosse stato il suo ultimo anno, se stesse bene, e da lì è venuto fuori tutto», ha raccontato Bradby. 

A quanto pare quella delle dimissioni dei Sussex da membri senior della Royal Family è stata una scelta che ha causato gioie e dolori. La loro “non è una famiglia come tutte le altre: hanno un ruolo pubblico di responsabilità, le tensioni generano anche altri problemi e non sono facili da stemperare”, ha sottolineato ovviamente Bradby.

Un ritorno tra i royal di Harry e Meghan?

Forse anche per questo motivo la scadenza della Megxit, che sarebbe dovuta scoccare tra poche settimane, è stata spostata più in là, a data da destinarsi. Certo, pur sempre nel 2021, ma chissà che questi sentimenti non provochino un riavvicinamento con Buckingham Palace (specie con William e Kate). 

Già a giugno, Harry e Meghan dovrebbero giungere su suolo britannico per i festeggiamenti del Trooping the Colour in onore della Regina Elisabetta e dei cent’anni del principe Filippo. Non meno importante, l’inaugurazione di una statua in memoria della principessa Diana. Chissà che non siano le occasioni adatti ad un riavvicinamento, o un gran ritorno, tra i royal. 

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection

Visita il profilo web dell'autore