Principe Harry verso casa: la richiesta per poter tornare nel Regno Unito

Il principe Harry disposto a tutto per tornare nel Regno Unito: dopo la clamorosa rottura con i Royal, spunta una richiesta...

Principe Harry

Foto Shutterstock | Bart Lenoir

Oltreoceano e oltremanica non si parla d’altro: la richiesta di revisione giudiziaria avanzata dal principe Harry per poter tornare nel Regno Unito, Meghan e figli al seguito, in tutta sicurezza. Pare che il secondogenito di Carlo e Lady Diana non voglia assolutamente perdere il Giubileo di platino della nonna, la regina Elisabetta II, dal momento che sarebbe occasione perfetta (forse unica) per far conoscere la piccola Lilibet ai Windsor. La figlia dei Sussex compirà un anno proprio a giugno (il 4), mese dei festeggiamenti per i 70 anni di regno di The Queen, ma ci sarebbe un grosso ostacolo alla reunion di famiglia…

Cos’è disposto a fare Harry per poter tornare nel Regno Unito

Il principe Harry avrebbe chiesto una revisione giudiziaria dopo che il Ministero degli Interni gli ha impedito di pagare di tasca per avere protezione dalla polizia, nel Regno Unito, per sé e la sua famiglia.

Un rappresentante legale di Harry ha dichiarato che i duchi intendono portare con sé anche Archie e Lilibet, ma il principe teme che non potranno “tornare a casa” perché è troppo pericoloso per la loro sicurezza.

Il duca vorrebbe finanziare con i suoi soldi la protezione per la sua famiglia, piuttosto che chiedere ai sudditi di pagare il conto dopo la frattura con la Royal Family, ottenendo così una scorta privata come quella di cui i Sussex godono negli States.

Il Regno Unito sarà sempre la casa del principe Harry e un Paese in cui vuole che sua moglie e i suoi figli siano al sicuro – affermano fonti vicine alla coppia –. Con la mancanza di protezione della polizia, arriva un rischio personale troppo grande. Il duca e la duchessa del Sussex finanziano personalmente una squadra di sicurezza privata per la loro famiglia, ma quella sicurezza non può replicare la necessaria protezione della polizia mentre si trovano nel Regno Unito“. Ecco perché Harry avrebbe già chiesto un riesame giudiziario della decisione del Ministero degli Interni.

Harry era tornato brevemente dagli Stati Uniti lo scorso luglio per un omaggio alla madre Diana, ma la sua auto sarebbe finita nel mirino dei paparazzi e ne sarebbe scaturito un inseguimento che lo avrebbe turbato profondamente.

Il suo rappresentante legale ha aggiunto che “Il principe ha ereditato un rischio per la sicurezza alla nascita, per tutta la vita. Rimane il sesto in linea di successione al trono, ha servito due turni di combattimento in Afghanistan e negli ultimi anni la sua famiglia è stata sottoposta a ben documentate minacce naziste ed estremiste. Mentre il suo ruolo all’interno dell’Istituzione è cambiato, il suo profilo di membro della famiglia reale non è cambiato. Né la minaccia per lui e la sua famiglia“.

Una revisione giudiziaria comporterebbe che un giudice riveda il modo in cui è stata presa la decisione sulla protezione, ma il tribunale non ripeterà il giudizio: se Harry dovesse spuntarla, il precedente provvedimento potrebbe essere annullato e il suo caso riesaminato. Tuttavia, non sarebbe ancora una vittoria: non si esclude che un nuovo esame della questione possa portare allo stesso esito lasciando, di fatto, i Sussex soli e senza tutele.

Parole di Giovanna Tedde