Prende a calci e pugni la figlia tredicenne per un selfie su Instagram

L'uomo in preda all'ira avrebbe anche tagliato le unghie alla ragazzina e le avrebbe strappato il piercing all'ombelico con un tronchesino. Poi si è scagliato sulla moglie.

Pubblicato da Beatrice Elerdini Martedì 24 aprile 2018

Prende a calci e pugni la figlia tredicenne per un selfie su Instagram
Foto di fizkes/Shutterstock

In provincia di Monza, a Vimercate, un padre di 40 anni, impiegato e incensurato ha brutalmente aggredito al figlia di 13 anni per un selfie pubblicato su Instagram e la moglie che cercava di difendere la ragazzina. L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri per violenza in famiglia, entro le mura di casa. Il padre ha ritenuto il selfie pubblicato sul noto social network ‘fuori luogo’ e per questo ha iniziato ad aggredire pesantemente la figlia con pugni e calci al volto.

Il padre in preda all’ira avrebbe anche tagliato le unghie della tredicenne e le avrebbe strappato il piercing all’ombelico con un tronchesino. L’uomo si è poi accanito contro la moglie che stava cercando di difendere la figlia. Lunedì mattina, la ragazzina è andata a scuola camuffando i segni della violenza subita con un bel po’ di trucco. La mamma è andata poi a recuperare la figlia a scuola, come ordinato dal marito; una volta rientrate, l’uomo ha aggredito nuovamente la giovane a bastonate. L’incubo ha avuto fine quando la mamma è riuscita a fuggire per chiedere aiuto a un’amica. A quel punto sono state avvertite le Forze dell’Ordine, che sono intervenute immediatamente nell’abitazione.