Pordenone, assolda uno straniero per punire i servizi sociali colpevoli di aver messo la figlia in comunità: arrestato

L'uomo, già noto per le violenze nei confronti della figlia è stato bloccato dai Carabinieri. La ragazza era stata inserita in comunità a causa dei problemi di natura psicologica.

Pubblicato da Redazione Giovedì 21 giugno 2018

Pordenone, assolda uno straniero per punire i servizi sociali colpevoli di aver messo la figlia in comunità: arrestato
Pixabay

E’ stato arrestato dagli agenti della Polizia della provincia di Pordenone un uomo di 75 anni accusato di ipotesi di reato di atti persecutori nei confronti della figlia. La ragazza, ospite di una comuità della zona, è affetta da problemi di natura psicologica.

L’uomo, già noto per atteggiamenti violenti e di sopraffazione contro la figlia proprio contro la figlia, avrebbe cerca di assoldare un cittadino straniero proponendogli azioni violente nei confronti degli assistenti sociali, magistrati e personale dell’Azienda sanitaria. Il tutto, ovviamente, in cambio di denaro.

Secondo il 75enne, i servizi sociali avrebbero ostacolato il rapporto con la figlia e per questo voleva farsi giustizia da solo.

Al momento l’uomo è stato bloccato e condotto in carcere a Pordenone.