Pisa shock: vendono la figlia al pusher in cambio di qualche dose di cocaina

La piccola è stata tolta ai genitori e affidata a un'altra famiglia. Anche gli altri fratelli sono stati allontanati

Pubblicato da Beatrice Elerdini Lunedì 26 novembre 2018

Pisa shock: vendono la figlia al pusher in cambio di qualche dose di cocaina
Foto: Pixabay

Due coniugi di Pisa sono accusati di aver venduto la loro figlia di 4 anni a un pusher di 45 anni, per qualche dose di cocaina. La Procura di Firenze ha incriminato i due genitori, il padre di 36 anni e la madre di 26, nonché il pusher, a vario titolo, di riduzione in schiavitù e atti sessuali con minori. Lo spacciatore, che abita nello stesso stabile della famiglia, è indagato anche per la cessione di cocaina, in cambio di rapporti sessuali con la bambina. I fatti contestati sarebbero avvenuti due anni fa, nel 2016.

La denuncia della violenza

L’indagine sui fatti è stata aperta in seguito alla denuncia presentata nel 2016 dalla mamma della bambina. Nonostante ciò le ricerche hanno condotto proprio alla famiglia della piccola. Entrambi i genitori sono stati convocati dagli inquirenti: tutte e due si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Inizialmente la donna aveva raccontato di aver portato la figlia dal vicino di casa, perché l’uomo aveva detto di avere dei regali per la piccola. Quando i genitori sono tornati hanno trovato la bambina impaurita e con le mutandine al rovescio.

Secondo gli inquirenti i genitori sarebbero stati consapevoli delle intenzioni del loro vicino e non avrebbero fatto nulla per proteggere la loro figlia dal presunto pedofilo. Nel capo d’imputazione si legge che ‘la minore è stata tenuta in uno stato di soggezione, mentre i due genitori avrebbero consapevolmente violato i doveri di protezione e garanzia derivanti dal loro ruolo di esercenti la responsabilità genitoriale’.

Il Tribunale dei minori di Firenze ha tolto la piccola vittima ai genitori e l’ha affidata a un’altra famiglia. Lo stesso è accaduto a un’altra sorella. I due fratelli, invece, si trovano in strutture protette.

LEGGI ANCHE: Bambina di 2 anni venduta dalla madre agli stupratori: 25enne arrestata insieme al compagno