Maltratta la moglie davanti ai figli per anni: lei lo denuncia, lui viene allontanato

Dopo anni di abusi la donna ha trovato il coraggio di denunciare il marito, che è stato allontanato dalla famiglia come misura precautelare

da , il

    picchia la moglie davanti alle figlie
    FOTO | ANSA

    Una storia di violenze reiterate nel tempo che andava avanti da anni: un uomo di 44 anni albanese maltrattava la moglie 39enne davanti ai tre figli. Ma gli abusi in questa famiglia residente a Covo, in provincia di Bergamo, sono stati finalmente interrotti grazie alla denuncia della donna e all’intervento dei carabinieri, che hanno allontanato il marito.

    Sposati quando lei era ancora minorenne, la donna ha avuto 3 figli da quel marito violento che la ingiuriava e minacciava di continuo. Già in passato i carabinieri della Stazione di Romano di Lombardia erano intervenuti per accertare la situazione presente in famiglia.

    Ma nella notte tra giovedì 14 e venerdì 15 c’è stata la svolta, con l’intervento dei carabinieri di Urgnano e Treviglio per allontanare il marito a seguito della denuncia della donna come misura precautalare.

    Nelle prossime ore l’albanese, senza fissa occupazione e già reo di altri precedenti specifici verrà sottoposto ad udienza di convalida.

    Picchia la moglie davanti alle figlie: forze dell’ordine allertate dalla scuola

    Un 37enne di Latiano, in provincia di Brindisi, picchiava la moglie davanti alle figlie di 7 e 11 anni. Le bambine, turbate dalle violenze domestiche a cui erano costrette ad assistere, si mostravano molto turbate a scuola, tanto da allarmare gli insegnanti.

    I docenti hanno così pensato di informare i carabinieri, che hanno arrestato l’uomo, un bracciante agricolo di origini albanesi, con le accuse di maltrattamenti in famiglia continuati e violenza sessuale.

    Secondo quanto emerso dalle indagini, le violenze domestiche andavano avanti da diversi mesi. Capitava spesso che l’uomo rientrasse a casa ubriaco dopo aver passato la serata con dei connazionali per sfogare poi la propria rabbia sulla moglie.

    Schiaffi e spinte, spesso senza motivo, erano all’ordine del giorno, e il tutto avveniva sotto gli occhi delle bambine, spaventate e inermi.

    In passato la donna si era recata più volte al pronto soccorso dell’ospedale di Francavilla Fontana in seguito alle percosse ricevute dal marito, ma non aveva mai sporto denuncia.

    Tra i reati di cui l’uomo è accusato, c’è anche la violenza sessuale, in quanto sembra che abbia obbligato più volte la moglie ad avere rapporti con lui nonostante i fermi rifiuti della donna, che alla fine era costretta a cedere per non svegliare le bambine.