Pescara: bambini ricoverati per intossicazione alimentare, scatta l’indagine al centro di cottura per le mense scolastiche

Nessun alunno è in gravi condizioni. Molti hanno manifestato sintomi, ma non hanno avuto bisogno dell'intervento del pronto soccorso. La situazione è sotto controllo, ha assicurato il sindaco di Pescara.

da , il

    Pescara bambini ricoverati per intossicazione alimentare, scatta l'indagine al centro di cottura per le mense scolastiche
    Foto di repertorio / Ansa

    Una ventina di bambini iscritti in diverse scuole di Pescara sono finiti in ospedale dopo aver mangiato alla mensa scolastica: hanno manifestato sintomi da intossicazione alimentare, ma fortunatamente nessuno di loro è in gravi condizioni. A finire sotto accusa il cibo somministrato agli alunni: i Carabinieri del Nas di Pescara hanno recuperato tutti i campioni necessari per l’indagine avviata dall’Asl e dalla direzione ospedaliera.

    Nel mirino il centro di cottura delle mense scolastiche di Pescara

    Nel mirino è finito il centro di cottura che serve le mense delle scuole di Pescara: i pasti test rinvenuti saranno sottoposti ad analisi da parte dell’Istituto zooprofilattico. A proposito dei bambini ricoverati con sintomi da tossinfezione alimentare è intervenuto anche il Comune di Montesilvano, sottolineando che ‘il centro di cottura della ditta che gestisce il servizio di refezione scolastica delle scuole di Montesilvano si trova sul nostro territorio ed è diverso da quello che rifornisce le scuole di Pescara. Completamente differenti anche i menù. Nessun problema, quindi, ha interessato o sta interessando il servizio mensa delle scuole di Montesilvano’.

    Il sindaco di Pescara: ‘Saremo al fianco delle famiglie’

    Il Comune di Pescara ha invece assicurato: ‘Saremo al fianco delle famiglie e a tutela della salute dei bambini che si sono sentiti male, se verrà accertato che a provocare i malori è stato il cibo somministrato alla mensa. Dal nosocomio non ci parlano di allarme, né di presunti casi di salmonella, perché è ancora presto per avere un riscontro di laboratorio sulle analisi fatte sui bambini’, hanno chiarito il sindaco Alessandrini e l’assessore alle Mense.

    Servizio mensa temporaneamente sospeso

    Nel frattempo che arrivino i risultati delle indagini e che vengano accertate le cause dei malori manifestati dagli alunni di diverse scuola di Pescara, il primo cittadino ha stabilito la sospensione del servizio mensa nelle scuole comunali da oggi, lunedì 4 giugno. ‘E’ una precauzione a tutela dei bambini, in attesa degli accertamenti della Asl sui campioni di cibo somministrato nelle mense scolastiche comunali’, ha precisato Alessandrini.

    A riguardo delle materne invece, il sindaco ha spiegato: ‘Stiamo lavorando affinché l’attività didattica possa continuare per quanti vorranno ricondurre i bimbi a scuola, ma solo dopo aver mangiato a casa. Per i nidi si potrà scegliere fra quest’ultima opzione o il tempo ridotto fino alle 12 o 12.30. In nessun caso è possibile portare pasti da casa’.

    Formule compensative per le rette scolastiche

    Alessandrini ha poi concluso: ‘Ovviamente adotteremo formule compensative per le rette sul tempo pieno, che verrà ripristinato una volta accertato che il cibo non ha determinato la situazione che si è creata. Siamo sicuri che questa scelta provocherà dei disagi organizzativi alle famiglie, alle quali chiediamo collaborazione e confermiamo vicinanza e tutela, ma riteniamo che la salute dei bambini sia la priorità, come prioritario è fornire un servizio di qualità, per questo abbiamo attivato sul cibo somministrato dal gestore del servizio la rigorosa filiera dei controlli pervista dall’appalto e in piena sinergia con Nas e Asl che stanno provvedendo agli accertamenti’.