Perde la moglie incinta in un incidente causato da un ubriaco: pubblica le foto della salma su Facebook

Il responsabile della tragedia potrebbe avere uno sconto di pena, perché nonostante abbia provocato la morte di due persone, una formalmente non era ancora nata

Pubblicato da Beatrice Elerdini Lunedì 8 ottobre 2018

Perde la moglie incinta in un incidente causato da un ubriaco: pubblica le foto della salma su Facebook
Foto: Pixabay

Un incidente stradale ha totalmente sconvolto la vita di Zach Kincaid, padre di 3 bambine e in procinto di diventarlo per la quarta volta: sua moglie, incinta all’ottavo mese, è stata travolta e uccisa su una strada della California, da un pirata della strada.  Il marito, dopo il funerale, ha voluto pubblicare su Facebook le foto della salma della compagna e della figlia che portava in grembo. 

Zach ha corredato le immagini con un un lungo post in cui ha espresso tutta la sua rabbia e il suo dolore per l’amaro destino che ha travolto la sua famiglia:

'Why I want everyone to see my dead pregnant wife and baby daughter lying in their coffin'A grieving husband has…

Pubblicato da News underground su Sabato 6 ottobre 2018

‘Un autista ubriaco che sfrecciava su un’autostrada a due corsie a 85 km/h nella carreggiata sbagliata ha distrutto la mia famiglia. La pena massima per l’omicidio di mia moglie e mia figlia è di 10 anni. Lo stato della California non pensa che ci si stata volontà d’azione, ma se uno guida in quel modo spericolato di sicuro non promette nulla di buono …. La data di nascita di mia figlia era fissata  per il 9 ottobre, una bambina di 36 settimane completamente sviluppata non è considerata ancora un persona per lo Stato della California. Come posso spiegare ai miei figli questa ingiustizia? Immaginate se dovesse capitare alla vostra famiglia … Chi vuole combattere con me per cambiare la legge? Non possiamo stare a guardare’.

Marcos Forestal, l’autore dell’incidente mortale, potrebbe avere uno sconto di pena proprio perché la piccola non era ancora nata.

Solo pochi giorni fa, un’altra bimba è morta in auto senza seggiolino: i genitori sono stati condannati per omicidio stradale.