Le parole che ti rendono una persona negativa

Ecco quali sono le parole da non utilizzare per evitare di risultare agli occhi degli altri delle persone negative

ragazze

Foto Pexels | mentatdgt

Vi è mai capitato di rendervi conto di notare e dare maggiore importanza, quando parlate con qualcuno, alle cose negative che dice, piuttosto che a quelle positive? Beh, è normale. Secondo Scott Bea, psicologo della Cleveland Clinic, il cervello umano ha quello che viene chiamato “pregiudizio negativo”.

Questo “atteggiamento” è antichissimo e risale ai tempi dei nostri antenati. Se pensate di non utilizzare un linguaggio che vi renda agli occhi degli altri persone “negative”, probabilmente vi sbagliate. Non c’è nulla di male, ovviamente, ma ci sono alcune parole che invece di renderci persone positive hanno l’esatto effetto contrario.

La prima cosa che dovremmo fare, quindi, sarebbe provare a modificare il nostro linguaggio, evitando di utilizzare alcune parole che possono farci sembrare persone negative.

Devo è la tra le parole negative da evitare

La prima modifica che si può fare al linguaggio quando si parla con gli altri è quello di utilizzare posso invece di devo.

Questo perché “devo” suona come un peso, mentre “posso” suona più come un’opportunità, come fa notare il dottor Bea.

Dire posso porta un senso di opportunità e di accoglienza all’esperienza e ha un beneficio positivo per noi. È la differenza tra una minaccia e una sfida” ha spiegato lo psicologo.

Non dite “sono infelice”, ma “ho avuto alcuni giorni tristi di recente”

Anche se ad un primo “sguardo” potreste non notare grandi differenze tra “sono infelice” e “ho avuto delle giornate tristi”, in realtà la differenza c’è. Questo perché la prima frase può risultare opprimente e descrivere una situazione quasi impossibile da superare. La seconda, invece, lascia spazio alla possibilità di migliorare la propria condizione, oltra a dipingere un quadro più realistico di ciò che si sta vivendo.

Questi piccoli cambiamenti nel modo di esprimersi possono essere messi in pratica sin da subito e sono utili per abituarsi ad utilizzare un linguaggio “più corretto” quando parliamo di noi stessi e di quello che stiamo provando. Senza, ovviamente, dare l’idea di essere persone sempre negative.

Mettere in atto questi cambiamenti aiuterà non solo ad essere persone meno negative, ma anche a riuscire a guardare più spesso il “bicchiere mezzo pieno” e ad essere anche più grati di quello che si ha.

Leggi anche: 5 cattive abitudini a cui dire addio nel 2021

Parole di Benedetta Minoliti