Paralizzata dopo che la madre tentò di ucciderla: raccolta fondi per aiutarla

La storia terribile di Patrizia Mori, 28 anni e un anno e mezzo di sedia a rotelle alle spalle. Davanti lo stesso triste futuro, ma una speranza potrebbe far capolino nella sua vita.

Pubblicato da Giovanna Tedde Martedì 23 ottobre 2018

Paralizzata dopo che la madre tentò di ucciderla: raccolta fondi per aiutarla
Foto: Pixabay

Patrizia Mori è rimasta paralizzata dopo che sua madre ha tentato di ucciderla. Un anno e mezzo fa le ha sparato: tre colpi di pistola che non l’hanno strappata alla vita ma certamente a un futuro normale. L’esplosione dell’aorta, poi quel limbo di incertezze tra la vita e la morte, sino alla sedia a rotelle. Ora si riaccende la speranza.

La storia di Patrizia Mori

Oggi ha 28 anni, ma ne aveva 27 quando sua madre ha cercato di ucciderla con tre colpi di pistola. Lei è Patrizia Mori, vive a Losanna e ha deciso di svelare il suo dramma a Pomeriggio 5.

Dopo il dramma che l’ha portata faccia a faccia con la morte, è rimasta paralizzata. Non può camminare, ma nonostante la devastante portata di questa tragedia ha perdonato la mamma.

Un inferno iniziato in un 29 giugno come tanti, nel 2017. Quel giorno, la madre 61enne ha preso una pistola e ha fatto fuoco.

Un gesto a cui la stessa 28enne non sa dare un preciso movente: “Perché l’ha fatto? Me lo chiedo anch’io. Era una relazione tossica da tanto tempo, ci sono stati momenti brutti e difficili. Era da un po’ che lei stava male, ho pensato che voleva portarmi con lei: forse ha sparato a me perché voleva sparare anche a se stessa“.

La speranza di tornare a camminare

La speranza di Patrizia è il ritorno alla sua vita di sempre, anzitutto poter camminare di nuovo. Per toccare con mano questa possibilità, però, ha bisogno di molti soldi.

Circa 100mila euro per provare a restituire al suo presente una parvenza di normalità: a tanto ammontano le spese per l’intervento chirurgico e il successivo percorso riabilitativo di cui avrebbe bisogno.

Al momento, tramite la raccolta fondi sul sito GoFundMe, sono arrivati circa 12mila euro. L’appello è alle persone di cuore, affinché possano contribuire con un piccolo gesto a ridarle il sorriso.

LEGGI ANCHE: Tenta di uccidere la figlia strangolandola con una canottiera