Olbia, 67enne morta in casa da mesi: corpo mummificato, interrogato il figlio

Il figlio non avrebbe dato spiegazioni al magistrato di turno, che lo ha sottoposto a interrogatorio a Tempio. La donna sarebbe morta diversi mesi fa, addirittura forse nel maggio scorso.

Pubblicato da Giovanna Tedde Lunedì 19 novembre 2018

Olbia, 67enne morta in casa da mesi: corpo mummificato, interrogato il figlio
Foto: Ansa

Il corpo senza vita di una 67enne, Maria Antonia Sanna, è stato scoperto in casa praticamente mummificato. La donna sarebbe morta da mesi prima del ritrovamento, e in queste ore il figlio è stato sottoposto a un lungo interrogatorio. L’allarme è stato dato da un vicino di casa. Il decesso potrebbe risalire addirittura al maggio scorso.

67enne morta in casa: figlio interrogato

La morte di Maria Antonia Sanna, 67enne di Monti (Sassari) residente a Olbia, è ancora un giallo. Servirà un’autopsia a stabilire esattamente cause e tempistiche del suo decesso, scoperto dopo mesi.

Il cadavere della donna, infatti, è stato ritrovato nella sua abitazione del quartiere Tilibbas, praticamente mummificato, dopo una segnalazione fatta da un vicino.

La donna conviveva con il figlio 43enne, che è stato sottoposto a interrogatorio a Tempio. Secondo quanto ricostruito finora, sarebbe morta diversi mesi fa, addirittura forse a maggio.

Cadavere scoperto per caso

La scoperta è stata fatta dalla polizia praticamente per caso. La segnalazione fatta dal vicino di casa, infatti, riguardava il figlio della donna che stava dormendo in auto con il motore acceso.

All’arrivo degli agenti sarebbe stato condotto nel suo appartamento in preda a un visibile stato confusionale. All’interno dell’abitazione, nella camera da letto, il corpo della madre.

Al momento non risulta esclusa alcuna pista. La 67enne, che aveva problemi di salute, potrebbe essere morta per cause naturali. Il 43enne non ha rilasciato alcuna dichiarazione al magistrato, la sua posizione è al vaglio degli inquirenti.