Obesità infantile: i bimbi italiani tra i più grassi e sedentari d'Europa

Lo studio ha riguardato un campione di circa 1.200 bambini tra i 3 e i 6 anni 'arruolati' negli asili dei tre Paesi e ha esaminato gli stili di vita dei piccoli e delle loro famiglie, il livello di attività fisica e il ruolo degli asili nelle abitudini alimentari dei bimbi.

Ma quanto sono belli i nostri bimbi, con qualche chilo in più? Soprattutto quando sono piccoli, che sembrano i protagonisti delle foto di Anne Geddes. Non va bene e dobbiamo stare attenti. I bimbi italiani sono grassi e pigri rispetto ai coetanei danesi e polacchi: il 21% è in sovrappeso oppure obeso. Le cause sembrano essere sempre le stesse: una cattiva alimentazione, troppe ore seduti (magari davanti a pc o computer) e poca attività fisica. Quest0 è il quadro che disegna l’indagine campionaria svolta dal progetto europeo Periscope (Pilot European Regional Interventions for Smart Childhood Obesity Prevention in Early Age) sul tema dell’alimentazione infantile in Europa.

Continua a leggere

Lo studio ha riguardato un campione di circa 1.200 bambini tra i 3 e i 6 anni ‘arruolati’ negli asili dei tre Paesi e ha esaminato gli stili di vita dei piccoli e delle loro famiglie, il livello di attività fisica e il ruolo degli asili nelle abitudini alimentari dei bimbi.
 
I risultati: mangiano meno frutta e verdura rispetto ai coetanei danesi e polacchi. In particolare, il 27,5% del campione non mangia mai verdura cruda e il 40% non consuma mai quella cotta. I migliori sono invece i danesi: circa il 70% mangia frutta almeno una volta al giorno e il 65% preferisce la verdura cruda una o più volte al giorno.
 
In più i nostri bimbi sono i più sedentari nel raggiungere l’asilo. Le famiglie italiane utilizzano l’auto molto più di quelle che vivono in Danimarca e Polonia.

Continua a leggere

Parole di Valentina Morosini

Da non perdere
Potrebbe interessarti anche