Nonno Mariano: malato terminale sfrattato a 90 anni

L'odissea legale contro la nipote si è risolta nel peggiore dei modi per l'anziano, cui l'immobile era stato pignorato e poi acquistato dalla donna. Ora è costretto a stare in una casa di riposo.

Pubblicato da Giovanna Tedde Lunedì 1 ottobre 2018

Nonno Mariano: malato terminale sfrattato a 90 anni
Foto: Pixabay

Malato di cancro, sfrattato a 90 anni dopo una diatriba con i parenti. La storia di nonno Mariano è finita persino in tv, trattata da Le Iene e alla ribalta per la sua drammaticità. L’anziano è costretto a letto per via di gravissimi problemi di salute, cui si somma un bilancio familiare davvero controverso.

Nonno Mariano via dalla sua casa

Insanabili dissidi familiari hanno fatto da sfondo alla drammatica storia di nonno Mariano, un 90enne malato terminale che ha dovuto lasciare la sua casa, dopo 40 anni.

Sua nipote ha portato la questione in tribunale, e dopo mesi di travaglio legale si è arrivati allo sfratto. L’uomo è ora in una casa di riposo, molto provato dopo l’epilogo della vicenda che mai, forse, avrebbe creduto potesse risolversi in questo modo.

Prima il pignoramento per via dei debiti, poi l’acquisto dell’immobile da parte della donna. E l’odissea nata per questioni di eredità, con la nipote e il marito, è finita nel peggiore dei modi.

Nonno Mariano era disposto a pagare un affitto mensile di 400 euro, pur di restare in quella casa sino alla fine dei suoi giorni. A nulla è valso l’aiuto delle due figlie, che lo hanno sempre supportato in questo doloroso percorso.
Qualche mese fa il caso di una madre sfrattata dalla sua abitazione, a Roma. Un incubo dopo mesi di tentativi per fermare lo sgombero.