Neonato con spina bifida operato fuori dall’utero e rimesso nella pancia

Ora il piccolo di Bethan è fuori pericolo e la speranza è che lo stesso intervento possa salvare in futuro altri feti

Pubblicato da Beatrice Elerdini Mercoledì 13 febbraio 2019

Neonato con spina bifida operato fuori dall’utero e rimesso nella pancia
Foto: Pixabay

Bethan Simpson, un’infermiera 26enne di Burnham, nell’Essex, è stata sottoposta a un intervento pionieristico: al bambino che era nel suo grembo è stata diagnosticata la spina bifida, patologia per cui l’80% delle donne scelgono di abortire. All’inizio anche Bethan e suo marito hanno pensato di non portare avanti la gravidanza, poi la proposta di questa operazione all’avanguardia. Il feto è stato quindi estratto dall’utero, operato e poi reintrodotto nella pancia della sua mamma fino al parto. Il piccolo ora è salvo.

La donna è stata operata alla 24esima settimana dai chirurghi dell’University College Hospital e del Great Ormond Street Hospital. Gli specialisti hanno estratto il feto, hanno riparato la lesione spinale e lo hanno riposto nell’utero. In questo modo ha potuto completare il suo sviluppo in maniera del tutto naturale. ‘Posso dire che è stato un successo. Sono ancora dolorante, ma finché il mio bambino sta bene, posso dire di essere felice’, ha raccontato Bethan dopo l’intervento al Daily Mail.

Visti i risultati ottenuti, è plausibile pensare che in futuro saranno molti i feti che potranno essere salvati grazie a questa procedura. ‘Sento che il nostro bambino mi dà calci giorno dopo giorno, non è mai cambiato niente, ha aggiunto la donna.

LEGGI ANCHE: Cina: seconda donna incinta di un bambino geneticamente modificato